Tom Sykes si conferma sempre più ‘uomo-pole’: nella Superpole 2 sulla pista francese di Magny Cours il pilota Kawasaki ha messo a segno il giro veloce per la quarantasettesima volta in carriera, innalzando il primato. Ma non solo: con quel giro, siglato proprio allo scadere del tempo a disposizione, Sykes ha ha fermato il cronometro sull’1:35.696, che è anche il nuovo record della pista.

Nella Tissot-Superpole 1 Leon Camier con la Red Bull Honda ha dominato la classifica ed è passato alla seconda fase insieme a Toprak Razgatlioglu, sulla Kawasaki del team Puccetti Racing, che ha migliorato negli ultimi minuti. E’ rimasto invece fuori Eugene Laverty, con la Milwaukee Aprilia, all’inizio in testa alla classifica, ma che alla fine ha perso la possibilità di accedere alla Superpole 2.  

Superpole 2 – E’ stato il campione in carica Rea ad andare in testa dopo i primi giri, battendo anche il precedente record della pista. Ma non ha potuto conquistare la pole, perché Sykes ancora una volta ha dato prova del fatto che il suo soprannome di “Mr Superpole” sempre più che appropriato. Sykes ha infatti abbassato il tempo di un altro decimo.

Alle spalle delle due Kawasaki si è piazzato un ottimo Lorenzo Savadori con la Milwaukee Aprilia, a completare dunque la prima fila. L’italiano si è messo alle spalle Xavi Fores con la Ducati del team Barni, che è comunque primo degli indipendenti Lo spagnolo apre la seconda fila davanti alla Yamaha di Alex Lowes e al contendente in campionato Chaz Davies sulla Ducati, sesto nonostante stia ancora recuperando dalla frattura alla clavicola.

LA TOP TEN - La terza fila è aperta da un’altra moto di Borgo Panigale: quella di Michael Ruben Rinaldi, portacolori del team Junior. Il campione in carica della STK1000 disputa l’ultima stagione con la squadra, che compete solo nei Round europei, e partirà al settimo posto, davanti a Loris Baz, con la BMW Althea. Completa la terza fila Razgatlioglu.

In decima posizione c’è Michael van der Mark con la Yamaha ufficiale, che forse si aspettava qualcosa di più da questa sessione. Ma l’olandese a Donington ha vinto partendo dalla nona casella, quindi tutto è possibile.

MELANDRI IN DIFFICOLTA’ Marco Melandri ha siglato il dodicesimo tempo dopo una sessione difficile, piazzandosi alle spalle di Leon Camier. Competitivo a Portimao, il ravennate è un altro pilota che cercherà di recuperare e lottare per il podio.

Laverty scatterà dalla 13esima posizione e fa parte di quei piloti che cercherà di guadagnare posizioni fin dalle prime fasi. L’irlandese precede Jake Gagne sulla Honda e Jordi Torres sulla MV Agusta.

Qui i tempi della Superpole.