Il team manager della Red Bull Honda Kervin Bos non è convinto che Leon Camier otterrà il massimo dalla Fireblade e per questo ha dichiarato che serve un compagno di squadra ‘il più veloce possibile’.
Yamaha, Kawasaki e Ducati hanno già firmato con i loro piloti per il mondiale del 2019. Ciò significa che molti dei migliori piloti sono attualmente fuori dal giro per la prossima stagione.

I posti più ambiziosi sono in Red Bull Honda, dove si cerca un compagno di squadra veloce per Leon Camier, così come nel team Milwaukee di Shaun Muir, che è alla ricerca di una collaborazione a lungo termine con BMW. E nel team Althea di Genesio Bevilacqua, che sta pensando ad un ritorno in Ducati.

LONTANI DAL TOP - Honda Motor Europe collabora con la squadra olandese Ten Kate nel campionato mondiale Superbike da oltre un decennio, prendendo insieme le decisioni sulla scelta del pilota. Ma questo non vuol dire che ci sia sempre un accordo..
Il team manager di Red Bull Kervin Bos, ad esempio, non pensa che Camier riesca a trarre il massimo dalla moto.
Quando ha concluso quarto in Thailandia, ha ottenuto il massimo”, ha detto Kervin Bos a Speedweek.com.
Avere un secondo pilota più veloce sarebbe d’aiuto.Questa è una delle nostre debolezze in questa stagione - è sempre Leon che stabilisce il ritmo. Gagne è sempre molto indietro”, dice Bos.
A proposito del livello di Camier, Bos lo vede simile a “van der Mark e Lowes. In una buona giornata può salire sul podio, in un giorno normale nella top-5”.

Il fatto che Camier non abbia ancora mai vinto, però, non lo preoccupa.
“Certo che significa qualcosa, ma quello era esattamente il caso di van der Mark. E poi ha fatto ‘clic’. Ecco, Leon lo vedo così”, dice Kervin Bos.

NO A SYKES E MELANDRI - Alla domanda se Tom Sykes possa essere il pilota migliore avvanto a Leon Camier, il team manager di Red Bull non è d’accordo.

“Penso che ci siano piloti più interessanti per il nostro progetto”; dice. Ma esclude anche Marco Melandri. “Ha guidato per tutta la vita in team ufficiali, con noi è diverso. Abbiamo persone fantastiche e diamo sempre tutto. Tuttavia, è diverso da quello che fanno Ducati o Kawasaki”, conclude Kervin Bos.