Conclusi i due giorni di test a porte chiuse ad Almeria per assaggiare la Bmw S1000RR, moto con cui Tom Sykes, unico iridato della categoria in pista nel 2019 oltre al campione del mondo in carica Rea, farà il suo esordio con il team SMR (Shaun Muir Racing), di ritorno nel campionato mondiale delle derivate di serie.

ASPETTANDO GLI ALTRI - A dire il vero non era proprio la moto con cui Sykes correrà, ma un ibrido molto simile. Sykes per ora si è detto soddisfatto: «Sono molto contento del mio feeling con la moto. Il feedback generale è stato buono. Abbiamo cambiato alcuni parametri sulla moto e abbiamo davvero capito alcune aree in cui lavorare. Era la prima volta che ci trovavamo a lavorare insieme: piloti, tecnici del team e gli ingegneri della BMW Motorrad. Quindi è stata una nuova esperienza per tutti, l’organizzazione ha funzionato  come un orologio». Il vero banco di prova, in attesa del debutto in Australia il 23 e 24 febbraio, ci sarà a gennaio (23-24) quando sulla pista di Jerez proveranno anche gli avversari.

REITERBERGER - Per il momento impressioni positive anche da Markus Reiterberger (campione Superstock 2018), l'altro pilota di casa SMR: «L’obiettivo era completare il roll out con la nuova moto e farmi abituare alla squadra e al mio nuovo equipaggio. Per me è tutto nuovo: la squadra, i metodi di lavoro e la versione Superbike della moto. La prima uscita con la nuova moto è andata molto bene. Mi sono sentito perfettamente a mio agio con la posizione del sedile e il manubrio sin dall'inizio».