La moto, il pilota e la squadra da battere. ll Kawasaki Racing Team si presenta ufficialmente consapevole del suo ruolo in vista dell'imminente campionato di Superbike 2019.

PRESENTAZIONE - La presentazione è andata in scena in Australia, a Phillip Island, dove si sono corsi gli ultimi test ufficiali in vista del primo semaforo verde di sabato 23 febbraio. Qualche piccola novità nell'aspetto esteriore della moto e nel motore, dotato di maggior potenza come richiesto dal Cannibale Rea.

COMMENTI - Nelle parole del team manager Guim Roda tutto l'entusiasmo del gruppo: «Il nostro progetto è costituito da molte persone che appartengono a culture diverse, parlano lingue differenti e hanno mentalità opposte. Ma riusciamo a trovare un compromesso e siamo molto orgogliosi di ciò che siamo riusciti a fare. Andiamo fieri dei nostri risultati». Anche i piloti hanno detto la loro. Partiamo da Rea, che sa già quanto sarà forte la concorrenza Ducati: «Abbiamo perso molto in accelerazione l’anno scorso, a volte mi sembrava di dover lottare con un oggetto contundente. La nuova moto ho iniziato ad amarla fin dai test pre-season. Sto lavorando per ottenere il massimo feeling, ma col tempo sono sicuro che ci innamoreremo. Speriamo di vivere una bella storia insieme». Leon Haslam è invece il nuovo arrivato, che ha sostituito Tom Sykes: «Sono molto emozionato, sostituire Sykes non sarà facile, ma si tratta di una grande occasione che dovrò sfruttare. Sento il penso delle aspettative che ci sono su di me, ma ho bisogno di sentirmi bene quando sono in sella».