La squadra ufficiale di BMW procede a grandi passi verso le zone alte della classifica, in particolare con Tom Sykes: nei due giorni di test a Phillip Island il britannico ha fatto un gran lavoro, completando quello che avevano iniziato prima a Jerez e poi a Portimao, dove la compagine bavarese ha presentato anche la nuova livrea della BMW S 1000 RR del WorldSBK basata sui colori della BMW Motorsport (leggi qui).

Nei test in Australia, Tom Sykes ha sorpreso tutti stampando il secondo tempo, a 2 decimi dal leader Alvaro Bautista.

OLTRE LE ASPETTATIVE - "Il test è andato molto bene, abbiamo fatto un ottimo lavoro, provato molte cose e fatto davvero molto", ha commentato Sykes. "Per questo sono molto soddisfatto, penso che nel breve tempo che abbiamo avuto con questo progetto, tutti abbiano fatto un lavoro incredibile, non avremmo potuto sperare di ottenere di più dalla fase di test. Ovviamente sappiamo che per la prossima gara il weekend non sarà facile, perché abbiamo ancora del lavoro da fare, ma sento che la direzione è giusta, il potenziale è maggiore di quanto ci aspettassimo all'inizio del progetto", ha dichiarato Sykes a Speedweek.com.

Alla domanda se sia pronto per puntare al podio, Tom Sykes ha detto che “È troppo presto per rispondere a questa domanda. Ma sono qui per essere competitivo. Certo, il progetto è ancora molto recente, ma alla fine sono competitivo, il test lo ha dimostrato”.
SERVE VELOCITA' - Sulla nuova BMW, però, c’è ancora da lavorare.
“Tutti hanno visto le misurazioni della velocità, dobbiamo migliorare su questo. Dobbiamo andare più veloci sui rettilinei, ma nelle curve la moto va molto bene, come dimostrano i tempi sul giro. Sono molto impressionato e felice di ciò che la squadra ha fatto per questi due giorni. Avevamo una massiccia lista di cose da testare e abbiamo acquisito tante preziose informazioni”.

SYKES SORPRESO - Tom Sykes è il primo a sorprendersi dei suoi tempi.

“Il fatto di essere arrivato secondo, alla fine, mi ha comunque sorpreso, perché non sono andato a caccia dei tempi. Il tempo è arrivato da solo", spiega Sykes.
“Devo dire che è incredibile ciò che è stato realizzato in questo breve periodo. Con tutta la mia esperienza, posso dire che nessun altro produttore avrebbe fatto meglio”, conclude il britannico.