Nel Thai Round del mondiale  Superbike Leon Haslam ha centrato tre quinti posti. Dopo l’esordio in Australia, dove ha concluso la Superpole Race e Gara 2 al terzo posto, Haslam è  appaarso più difficoltà sul Circuito Internazionale di Chang, dove non correva  da quattro anni.

“Sono passati quattro anni dalla mia ultima volta sul Circuito Internazionale di Chang. Non è mai facile riprendere il ritmo con due sessioni da 50 minuti. Ad ogni modo sono soddisfatto di questi tre quinti piazzamenti”, ha detto Haslam.

IN GARA CONTRO IL DOLORE - Un risultato che fa porre qualche interrogativo, considerando che il suo compagno di squadra Jonathan Rea, è stato veloce per tutto il weekend. Haslam, però, si è trovato ad affrontare un problema con i freni il sabato, condizione che non gli ha permesso di andare oltre la quinta piazza in tutti gli appuntamenti del weekend. Ma, al di là dei piazzamenti ottenuti nelle gare o le difficoltà avute con la moto, Haslam ha spiegato che il principale problema è stato il dolore alla schiena, motivo per cui non ha potuto dare il massimo in pista.

Adesso posso dire di aver avuto un nervo della schiena infiammato prima di arrivare in Thailandia”, ha confessato l’inglese al termine di Gara 2. “Ho fatto delle iniezioni di antidolorifici ma ho comunque faticato parecchio in questo weekend. Sono contento di come sia finita. Adesso ho solo bisogno di riposarmi prima di arrivare ad Aragon”.