Uno scatenato Alvaro Bautista domina senza pietà la Super Pole Race, portando a casa la 13° vittoria in questo campionato SBK 2019, la seconda del week-end spagnolo dopo il trionfo di ieri in Gara1. Splendida performance anche per Marco Melandri, che chiude terzo alle spalle di Van Der Mark. Un buon segnale per la Yamaha con due moto sul podio. Jonathan Rea, partito ultimo dopo la penalità inflittagli dalla commissione gara a causa dell’incidente con Lowes in Gara1, termina 4° sotto alla bandiera a scacchi.

SCATTA IL SEMAFORO - Dall’ultima posizione, Rea tenta subito di rimontare sugli avversari scattando forte al via. Partenza fulmicotonica anche per Marco Melandri, che infila il muso della sua Yamaha negli scarichi di Bautista, da subito in testa. Alle loro spalle, è bagarre tra Haslam, Sykes, Lowes e Van Der Mark. Al terzo giro, però, Lowes perde il controllo della sua Yamaha e finisce malamente nella ghiaia. La sua Sprint Race termina qui.

GIRO DI BOA - A metà gara, Rea è oramai a ridosso del podio, quarto alle spalle di Van Der Mark, dopo un’implacabile risalita. Intanto Melandri resiste come può alle spalle di Bautista, primo con un buon margine, ma la Yamaha numero 60 di Van Der Mark lo infilza a due giri e mezzo dalla fine, prendendosi il secondo posto.

IL FINALE - La Ducati di Bautista martella l’asfalto di Jerez in solitudine, spedita come un siluro verso la seconda vittoria di questo week-end spagnolo. Alvaro taglia per primo il traguardo, seguito dalla Yamaha ufficiale di Van Der Mark e da quella GRT di Marco Melandri.

LA TOP TEN - Quarto sotto alla bandiera a scacchi, dopo una bella rimonta, Jonathan Rea, che limita i danni per la penalità ricevuta. Seguono, alle sue spalle, Sykes e Haslam, rispettivamente quinto e sesto davanti a Razgatlioglu, Torres, Cortese e Davies. Un risultato, il decimo posto del ducatista, in evidente contrasto col primo gradino del podio conquistato dal compagno di squadra.

QUI tutti i risultati nel dettaglio con l’ordine di arrivo completo.