Con la gara di Misano, dove ha regalato alla Casa bavarese il primo podio in 68 mesi, Tom Sykes ha definitivamente conquistato i vertici di BMW, che vogliono prolungare il contratto con il pilota britannico aggiungendo l’opzione di un ulteriore anno. Il feeling di Tom Sykes con la moto bavarese è fuori discussione: Mr Superpole è tornato a siglare anche la partenza al palo e in questa stagione si è confermato sul podio tre volte: a Misano e a Donington con due secondi posti, e nella gara sprint di Laguna Seca con un terzo posto.

IL CONTRATTO - Questa è la sua prima stagione in BMW e il suo attuale contratto prevedeva un’opzione di un ulteriore anno, che è stata esercitata lo scorso luglio.  Ma la volontà della Casa è appunto quella di allungare ulteriormente la permanenza di Tom Sykes.

“Abbiamo un contratto 1 + 1 con lui e abbiamo scelto l'opzione", ha rivelato Shaun Muir, team principal BMW, in un’intervista con la testata tedesca Speedweek.com. "Ora stiamo negoziando un contratto 2 + 1, quindi ci vuole un po' più di tempo. Invece di fare un nuovo contratto, vogliamo trasformare quello esistente".
In questo caso, Tom Sykes potrebbe rimanere in BMW fino al termine della stagione del 2021, ovvero fino all’età di 36 anni.

"Si tratta di formalità e dettagli", ha spiegato Muir. “Volevamo annunciare prima l’impegno con Eugene Laverty, in modo che Markus Reiterberger sappia come procedere”.

Laverty, infatti, correrà sulla moto di Reiterberger a partire dalla prossima stagione, come vi abbiamo annunciato qualche giorno fa (leggi qui).

MR SUPERPOLE - Autore di 34 vittorie e 111 podi, il campione del mondo dal 2013 sta disputando la sua undicesima stagione nel mondiale Superbike e BMW è il quarto Costruttore con il quale si cimenta, avendo già corso anche con Suzuki e Yamaha prima di approdare in Kawasaki nel 2010, dove ha disputato 9 stagioni. E’ soprannominato Mr Superpole perché finora nella sua carriera ha siglato per ben 49 volte la partenza dalla prima casella in griglia.