Jonathan Rea non si è fatto intimorire dal diluvio di Magny Cours e ha attraversato la tempesta saldamente al timone della sua Kawasaki che domenica potrebbe traghettarlo nel porto sicuro del quinto mondiale Superbike.

VANTAGGIO - Il Cannibale non si è risparmiato, nonostante la caduta della mattina. Con 91 punti di vantaggio in classifica poteva anche evitare qualche rischio, ma lui è fatto così. Con 62 punti in palio, a Jhonny ne basterebbero altri 34 su Bautista per archiviare anche questa stagione. Le previsioni atmosferiche rimangono incerte, ma per il Cannibale cambia poco: «Preferisco le condizioni di asciutto - ha detto al termine delle prove a Speedweek - perché con la pioggia aumentano i rischi».

VALORI - Rea riconosce il valore della sua moto: «La stabilità della ZX10R è il nostro grande vantaggio. In condizioni asciutte o bagnate, hai sempre una buona prestazione in frenata. Sul bagnato è molto importante entrare nell'angolo della curva per rimanere sulla linea ideale. La stabilità di base della moto e la fiducia nelle sospensioni ci rendono molto sicuri in condizioni difficili», ha detto il pilota Kawasaki, che poi ha aggiunto sempre a Speedweek: «Negli ultimi anni le restrizioni sullo sviluppo del motore ci hanno permesso di concentrarci sulle sospensioni, che oggi ci offrono una garanzia di prestazione in ogni condizione atmosferica. Già pronte le maglie celebrative? E' dal 2015 che non preparo nulla, resto concentrato sulla gara».