Il Circuito San Juan Villicum in Argentina, ospiterà questo fine settimana, per il secondo anno consecutivo, il penultimo appuntamento stagionale del mondiale Superbike. Per affrontare il tracciato, costruito nel 2018 ai piedi della cordigliera delle Ande, non lontano dal confine con il Cile, Pirelli ha deciso di puntare su soluzioni posteriori in mescola morbida per la classe Superbike e su soluzioni esclusivamente di gamma per la categoria Supersport. Non saranno al via, invece, i piloti della classe Supersport 300, che torneranno in scena in Qatar per l’ultimo appuntamento del 2019.

IN PISTA 2.373 PNEUMATICI - Per affrontare il circuito di San Juan Villicum Pirelli porta in pista un totale di 2.373 pneumatici per far fronte alle necessità sia delle due classi sia su asciutto che in condizioni di bagnato. Per quanto riguarda i pneumatici da asciutto Pirelli ha deciso di puntare su soluzioni morbide posteriori.

Nella classe Superbike i piloti potranno contare su 2 soluzioni anteriori e 5 posteriori, comprese le soluzioni SCX e da Superpole. All’anteriore confermate le due opzioni in misura maggiorata 125/70 che sono state il riferimento di tutta la stagione: la SC1 di gamma in mescola morbida e la SC2 di sviluppo X1071 in mescola media.

Più ampia la scelta per il posteriore. In questo round oltre alla SC0 di gamma 200/65 saranno presenti due soluzioni di sviluppo più morbide e ovviamente la soluzione SCX. La prima è la specifica Y0446, che ha debuttato ad Imola ed è stata portata anche a Misano, Donington e Laguna Seca e che presenta la stessa struttura della SC0 di gamma ma una mescola maggiormente orientata alle prestazioni in caso di temperature dell'asfalto particolarmente elevate. L’altra alternativa è quella rappresentata dalla specifica X1351, che ha debuttato a Jerez ed è stata portata anche a Portimão e Magny-Cours.

La soluzione SCX è qui presente in specifica Y0447 già vista in azione a Jerez, Misano e Donington. Infine nella Superpole i piloti potranno contare sulla soluzione posteriore in mescola supersoft da Superpole, in questo caso nella specifica X0684.

Ai piloti della classe Supersport Pirelli mette invece a disposizione esclusivamente pneumatici di gamma. All’anteriore le SC1 e SC2 di gamma mentre al posteriore la SC0 di gamma sarà affiancata dalla SC1 di gamma.

QUALCHE DATO - Il circuito San Juan Villicum porta la firma del progettista argentino Leonardo Stella ed è stato inaugurato lo scorso anno proprio in occasione della prima gara in Argentina del campionato per derivate dalla serie.

Il tracciato è lungo 4276 metri e la sua configurazione prevede 17 curve, 7 a destra e 10 a sinistra con una larghezza di 16 metri. Il senso di percorrenza è antiorario.

È un circuito molto veloce dove i piloti della Superbike possono girare facilmente sotto l’1’40 e raggiungere velocità superiori ai 300 km/h, soprattutto sul rettilineo di arrivo/partenza che misura più di un chilometro di lunghezza e in quello compreso tra le curve 7 e 8 che è in assoluto il rettilineo più lungo.

El Villicum sorge ai piedi delle Ande ad un’altitudine di circa 650 metri sul livello del mare e per questo motivo è soggetto ad una forte escursione termica tra le prime ore del mattino e quelle del tardo pomeriggio. Inoltre, essendo costruito in una zona desertica, è probabile che nelle prime ore del venerdì l’asfalto si presenti sporco per via della sabbia trasportata dal vento e pertanto più aggressivo sui pneumatici.