Il talento di Ana Carrasco si è confermato ancora una volta a Misano Adriatico. Sulla pista romagnola, la pilota spagnola della Kawasaki ha fatto sua la gara della Supersport 300, riducendo anche il gap in classifica generale (43 punti) con il leader Scott Deroue, oggi solo settimo al traguardo a causa di un problema tecnico sulla sua Kawasaki.

DOPPIETTA SPAGNOLA - La campionessa del mondo in carica della categoria ha preso il comando della corsa a metà gara e, dopo una parte centrale ricca di sorpassi nel gruppetto di testa, nel finale è riuscita a mettere quasi un secondo tra se e gli avversari. Un vantaggio che le ha permesso di tagliare il traguardo quasi indisturbata. Il suo connazionale, Manuel Gonzalez, infatti, ha chiuso secondo a soli otto decimi, seguito dalla Yamaha di Andy Verdoia a meno di un secondo e capace di conquistare il terzo gradino del podio.

TOP TEN PER BASTIANELLI E SABATUCCI - Completano la top five l'indonesiano Galang Hendra Patrama (Yamaha) e l'olandese Victor Steeman (KTM). Per i colori azzurri, da segnalare l'ottimo sesto posto di Emanuele Vocino: il 16enne romano del team Gradara Corse ha lottato per tutta la gara per la vittoria e il podio di tappa, che alla fine gli è sfuggito per soli sei decimi di secondo. Tra i primi dieci, alle spalle di Deroue, anche gli altri due italiani Manuel Bastianelli (Prodina IRCOS Kawasaki) e Kevin Sabatucci (Team Trasimeno Yamaha) lontani però oltre 14 secondi dal gruppetto dei vincitori. Tra le 10 cadute da segnalare, quelle di Rovelli, Ieraci e Facco, per fortuna senza conseguenze.