Lucas Mahias ha sventolato con orgoglio il tricolore francese sul circuito di Magny Cours dopo aver conquistato la leadership della classifica iridata in Sueprsport. Il francese, che aveva sofferto per un po' di sfortuna in qualifica, ha siglato una performance straordinaria, nonostante l'infortunio ad un polso. Dopo una rimonta incredibile, ha sorpassato il suo connazionale Jules Cluzel, e poi ha attaccato l'americano PJ Jacobsen ma non è riuscito a cogliere il podio. Comunque in classifica di campionato adesso Mahias è nove punti davanti a Sofuoglu, che non ha potuto correre a Magny Cours per via di un infortunio. Anzi, non potrà correre nemmeno le restati due gare.

"Ovviamente avrei preferito concludere sul podio, ma penso che sarebbe stato difficile fare di meglio", dice Mahias. "Ho dato il massimo e la gara è stata complicata: all'inizio della gara ero diciannovesimo e ho concluso quarto. Posso essere soddisfatto..."

SORPRESO - Mahias è soddisfatto anche della sua stagione.

"Sono anche sorpreso che sia andato tutto bene", dichiara candidamente Mahias in un'intervista a WorldSBK.com. "Abbiamo avuto la moto tardi, e non siamo riusciti a fare molti test prima del debutto in campionato. E' anche una squadra con molte new entries, e quindi abbiamo dovuto conoscerci e imparare a lavorare insieme. E' anche la mia prima stagione completa nel mondiale Supersport, e soprattutto in un team ufficiale. E' una grande soddisfazione essere al comando della classifica iridata oggi..."

SOFUOGLU - Mahias è consapevole, però, che l'assenza di Sofuoglu gioca il suo ruolo.

"So benissimo che se Kenan non si fosse fatto male, le circostanze sarebbero state diverse. Ho molto da imparare in questa categoria. Lui è mancato alle prime duegare e io ho lo stesso numero di "zeri", a parte che lui adesso ne ha uno in più con l'assenza a Magny Cours. Ma lui ha vinto in molte gare. Anche se io sono stato spesso dietro di lui, sono consapevole che mi manca ancora qualcosa per batterlo. Sono dispiaciuto che la stagione sia finita così per lui, ma fa parte delle gare. Ma se riguardiamo al 2015, Kenan vinse il titolo dopo l'infortunio di Cluzel".

OBIETTIVO SUPERBIKE - Infine, Mahias ha dichiarato che la Supersport non è il suo punto di arrivo.

"Anche se sogno di diventare campione del mondo della Supersport, non ho mai voluto finire la mia carriera in questa categoria. Questo è uno step. Ho già guidato una 1000, endurance o Superstock, e mi piace molto. La gestione delle gomme è diversa in confronto alle 600 e il mio stile di guida si adatta perfettamente. Correre una seconda stagione in Supersport può farmi solo bene e spero, ovviamente, di approdare al mondiale Superbike l'anno dopo", conclude Lucas Mahias.