Niente Thailandia per Kenan Sofuoglu: il cinque volte iridato della Supersport è costretto a saltare il secondo round della stagione per infortunio. Tra l'altro, ad impedirgli di correre non è soltanto la ferita che si è procurato nella caduta in FP3 nel round di apertura in Australia (leggi qui). Il pilota turco ha infatti spiegato che deve ancora saldarsi una frattura rimediata lo scorso anno.

“Dopo la caduta in Australia ho iniziato a sentire dolore nello stesso punto dove mi sono fatto male a Magny-Cours", spiega Sofuoglu. "Ho pensato che migliorasse, ma nonostante il passare del tempo continuavo a sentire dolore. Mi sono sottoposto ad ulteriori esami ed i medici hanno riscontrato che il bacino ha ancora una frattura. Se non mi fossi fermato, avessi deciso di gareggiare e fossi caduto di nuovo avrei avuto conseguenze pesanti anche per il futuro".

Serve tempo - Tutto questo è conseguenza di un rientro troppo precipitoso da parte di Sofuoglu. "Lo scorso anno ho interrotto il mio recupero meno di un mese dopo la caduta per correre in Qatar, quando mi era stato detto di rimanere a riposo per 12 settimane", spiega il pluricampione turco. "A causa di questa decisione, le mie ossa non si sono saldate perfettamente e ora, dopo la caduta di Phillip Island, ho bisogno di più tempo per permettere al mio corpo di recuperare pienamente.”

 

Serve tempo - Tutto questo è conseguenza di un rientro troppo precipitoso da parte di Sofuoglu. "Lo scorso anno ho interrotto il mio recupero meno di un mese dopo la caduta per correre in Qatar, quando mi era stato detto di rimanere a riposo per 12 settimane", spiega il pluricampione turco.  

"A causa di questa decisione, le mie ossa non si sono saldate perfettamente e ora, dopo la caduta di Phillip Island, ho bisogno di più tempo per permettere al mio corpo di recuperare pienamente”.

Il sostituto - A sostituire Sofuoglu in Thailandia sarà il pilota malese Azlan Shah, che ha già disputato qualche gara nel mondiale in passato. Dopo aver corso in Moto2 dal 2013 al 2015, è ansioso di provare l’esperienza del mondiale Supersport e spera di ottenere punti in sella alla ZX-6R.

 “Sono molto felice di questa opportunità”, ha detto Shah. “Per me correre con questo team nel Campionato Supersport è un sogno che si realizza. Proverò a fare del mio meglio per finire la gara il più avanti possibile. Ringrazio moltissimo il team e Kawasaki per aver scelto me come sostituto”.