Anche il prossimo anno Randy Krummenacher correrà con Yamaha nel mondiale Supersport. Dopo la promettente stagione 2018, lo svizzero rimane dunque fedele alla squadra e alla Yamaha.

Randy Krummenacher ha concluso la scorsa stagione iridata in Supersport al quarto posto dopo aver combattuto nel finale di stagione per il terzo gradino del podio iridato in classifica piloti.  

"La mia seconda stagione nel mondiale Supersport volge al termine”, ha detto Krummenacher. "Si tratta di una classe che mi piace davvero. Per questo ho intenzione di continuare qui nella prossima stagione e di scendere in pista sempre con la squadra Bardahl Evan Bros. E' stato il nostro primo anno con la Yamaha. La moto ha un grande potenziale e abbiamo acquisito molta esperienza", afferma, facendo capire che l’anno prossimo sarà ancora più combattivo.

"Sono stato penalizzato dalla decisione del TAS che ha restituito a Mahias la vittoria a Portimao, altrimenti sarei stato terzo mondiale”, dichiara Krummenacher. “A parte questo, non vedo l'ora che inizi la stagione".

A Portimao, infatti, inizialmente era stato squalificato il francese Mahias che aveva forato ed era riuscito comunque a vincere cambiando lo pneumatico, ma entrando ai box da una corsia sbagliata. Restituendo la vittoria a Mahias, Krummenacher è così ripassato da secondo a terzo in quella gara.

OBIETTIVO TITOLO - “Con la nostra esperienza di questa stagione, possiamo puntare al titolo e so che la squadra ha il potenziale per farlo”, annuncia Krummenacher.

Non potevamo immaginare che quest’anno il livello sarebbe stato così alto. Mettendo a paragone i miei tempi di quest'anno sui risultati dello scorso anno, avrei vinto quasi tutte le gare”, conclude Krummenacher.