Per la prima volta il prossimo anno il team Bardahl Evan Bros schiererà due piloti nel mondiale Supersport, affiancando il giovane Federico Caricasulo al confermato Randy Krummenacher.

Per il talento italiano si tratta di un ritorno nella squadra che lo ha lanciato e con la quale ha conquistato il titolo di campione italiano Supersport nel 2014 e il terzo posto nell’Europeo Superstock 600 l’anno successivo, per poi debuttare nel campionato mondiale Supersport nel 2016. Un debutto indimenticabile, che lo vide subito sul podio nella gara inaugurale di Phillip Island in Australia.

Partner importante dell’accordo tra Caricasulo ed il Bardahl Evan Bros Team è Yamaha Motor Europe, che ha permesso la formazione di una coppia di piloti in grado di lottare per i più ambiziosi traguardi.

IL MIGLIOR BINOMIO - “E’ bello ritornare da dove sono partito. In questi anni siamo cresciuti tanto sia io che il team Bardahl Evan Bros e sarà bello vedere dove potremo arrivare ora che siamo nuovamente insieme”, ha detto Federico Caricasulo.

“Avere come compagno un pilota come Krummenacher sarà sicuramente uno stimolo. E’ uno dei più forti della Supersport in questo momento ed insieme formiamo probabilmente il miglior binomio della categoria. Sarà importante, anche per proseguire nella mia crescita, condividere il box con lui. Il mio ringraziamento va a Yamaha Europa, a Bardahl e a tutti gli sponsor che ci seguiranno in questo progetto”, conclude Caricasulo.

OBIETTIVI ELEVATI - Il rinnovato team di Fabio Evangelista e Mauro Pellegrini sta organizzando una serie di test che si svolgeranno in Spagna nel mese di gennaio, in preparazione al primo round del mondiale. 

“Sono molto felice di accogliere nuovamente Federico tra di noi e di poter schierare assieme a Krummenacher una squadra forte ed unita, pronta a lottare per grandi risultati”, ha detto Fabio Evangelista. “Ringrazio Yamaha Europa per il supporto ricevuto nel portare a termine l’accordo con Caricasulo. Ci attende una grande stagione, che affronteremo con il massimo impegno assieme a Bardahl e a tutti i nostri sponsor”.