Il mondiale Supersport torna a parlare italiano con la vittoria di Federico Caricasulo, che sulla pista di Jerez ha dato il meglio di sé, impostando una strategia vincente. Il romagnolo ha battuto il suo compagno di squadra Randy Krummenacher tagliando il traguardo con quasi un secondo di vantaggio sul suo primo avversario, ma non è stata un’impresa facile: sono stati 19 giri di continua sfidae di reciproci sorpassi, con i due portacolori del team Bardahl Evan Bros a dare spettacolo davanti al pubblico delle grandi occasioni sulla pista spagnola.

A poca distanza dallo svizzero si è piazzata un’altra Yamaha: quella del team GMT94 con il francese Jules Cluzel. Quarto posto, invece, per il compagno di marca Thomas Gradinger, portacolori del team Kallio Racing, che è riuscito a battere in volata la MV Agusta ufficiale di Raffaele De Rosa.

Per quanto riguarda gli altri italiani, l’unico ad andare a punti è stato Ayrton Bavodini, treedicesimo con la Kawasaki del team Pedercini davanti a Maria Herrera. Fuori zona punti, invece, Canducci e Sconza, mentre l’altra MV Agusta, quella di Fuligni, si è ritirata per un problemi recnico alla curva 7 del primo giro.

LA GARA – Federico Caricasulo aveva siglato la pole, che però gli è stata annullata per il mancto rispetto delle bandiere gialle ed è stato Krummenacher a dalla prima casella in griglia, con Caricasulo secondo. Al via il campione del mondo del 2017, Lucas Mahias  sulla Kawasaki Puccetti è balzato al comando dalla terza casella dello schieramento, davanti Caricasulo e a Krummenacher. Ottimo start anche di Raffaele De Rosa, subito in quarta posizione davanti a Thomas Gradinger

Dopo i primi giri Krummenacher è riuscito a superare Mahias, e poi anche Caricasulo si è portato davanti al francese, ma non è riuscito ad allungare. E Krummenacher ne ha approfittato per allungare il distacco nelle prime fasi.

CARICASULO DA RECORD – Nel frattempo Cluzel è risalito e si buttato nella lotta per la prima posizione fra Krummenacher e Caricasulo: è riuscito a prendersi la seconda posizione ma per poco perché Caricasulo è tornato ad imporsi subito sul francese ed è andato all’attacco dello svizzero.

 Il ravennate si è imposto durante l'ultimo passaggio ottenendo la sua seconda vittoria consecutiva e stabilendo il nuovo record della pista proprio nel giro conclusivo.

Con la seconda vittoria in campionato Caricasulo si lancia in pieno nella lotta per il titolo: è infatti a quota 118 punti contro i 135 di Krummenacher, mentre Cluzel è terzo con 94 punti.

LA TOP 5 A JEREZ

Federico Caricasulo
Randy Krummenacher
Jules Cluzel
Thomas Gradinger
Raffaele De Rosa