La Superpole della Supersport 300 a Donington ha consegnato un risultato storico: a siglare il miglior tempo è infatti un pilota brasiliano: Ton Kawakami, portacolori del team BCD Yamaha MS Racing, che è stato anche l’unico a scendere sotto il muro dell’1’54, con il crono di 1’52’’914.

Il diciottenne è il primo brasiliano nella storia del mondiale Superbike ad aver siglato una pole position.

SOTTO LA PIOGGIA - La Superpole si è disputata sotto la pioggia, ma i piloti del WorldSSP300 hanno comunque girato forte stabilendo i migliori giri possibili. 

Il Gruppo A è sceso per primo in pista e il brasiliano ha approfittato del maltempo, spesso grande livellatore in pista, per andare al comando della classifica dei tempi, davanti a Galang Hendra Pratama. Il pilota indonesiano è poi stato retrocesso alla terza posizione visto che Andy Verdoïa compagno di squadra di Kawajami, e schierato nel Gruppo B, ha girato con tempi più bassi rispetto a lui, nonostante una caduta.

Mika Perez conclude la sessione con il quarto tempo assoluto seguito da Hugo De Cancellis,  protagonista di una caduta durante la sessione del Gruppo B, mentre il sudafricano Dorren Loureiro completa la seconda fila.

GLI ITALIANI - Primo degli italiani, Filippo Rovelli, autore del settimo tempo. Decimo crono per Kevin Sabatucci, davanti a Bruno Ieraci, nonostante una caduta. Ventunesimo tempo per Omar Bonoli, anche lui incappato in una scivolata. In nona fila Kim Aloisi. Manuel Bastianelli e Paolo Giacomini sono riusciti a superare la Last Chance Race.

LA CAMPIONESSA - Ana Carrasco, la vincitrice della gara di Misano e seconda nella classifica generale, ha ottenuto solo il 16° tempo nelle combinate. Dopo aver vinto a Donington Park la passata stagione, la campionessa in carica si prepara ad un’altra gara impegnativa, con l’obiettivo di prendere il comando della graduatoria.

CADUTE ILLUSTRI - Tra le sorprese, la caduta del leader del campionato, Manuel Gonzalez: il portacolori del Kawasaki ParkinGO Team è finito a terra alla curva 1, la Redgate Corner, venendo poi soccorso dal personale medico, che più tardi lo ha dichiarato ‘unfit’ per la Last Chance Race.

Da segnalare un’altra uscita illustre: di Scott Deroue: il portacolori del Kawasaki Motoport team, secondo in classifica generale a pari punti con Ana Carrasco. ha dovuto affrontare la Last Chance Race, dove tra l’altro è caduto, e quindi domani non prenderà il via alla gara.

Per lo stesso motivo non potrà schierarsi neppure Marc Garcia: anche il pilota del DS Junior Team, quarto in classifica, è caduto nella Last Chance Race.

Qui la griglia di partenza della gara di domani.