Il mondiale Supersport 300 è tornato in pista oggi con i primi due turni di prove libere a Portimao dopo la lunga pausa estiva. Quanto ai tempi su giro, sono stati in pochi i piloti a beneficiare della seconda sessione, perché nel pomeriggio le temperature sul circuito portoghese sono aumentate sensibilmente.

DEROUE DAVANTI A TUTTI - Uno dei piloti a fare meglio con il fresco del mattino è stato Scott Deroue: l’olandese sulla Kawasaki Motoport ha messo a segno il miglior crono nel turno di questa mattina girando in 1’56’’268: quasi 7 decimi più veloce rispetto al primo dei suoi inseguitori, Hendra Pratama su Yamaha, autore del miglior crono nel gruppo B e secondo nella combinata (i piloti al via sono 55, per questo vengono suddivisi in due gruppi, ndr).

Nel pomeriggio, a tentare di avvicinarsi a Deroue è stato il francese Verdoia, su Yamaha del team BCD, che ha fermato il cronometro a 303 millesimi dal ‘tempone’ di Deroue, che lo stesso olandese non è riuscito ad abbassare nel pomeriggio.

In terza posizione alla fine del venerdì di libere c’è il leader del campionato Manuel Gonzalez, su Kawasaki del Team Parkingo, che può vincere matematicamente il titolo questo fine settimana. Il suo crono è di 363 millesimi più alto rispetto al rivale olandese.

Galang Hendra Pratama, portacolori del Semakin Di Depan Biblion Motoxracing team non ha migliorato il suo crono della mattina ed è scivolato al quarto posto. Dopo la Superpole, però, gli verrà applicata una penalità di 12 posizioni in griglia, se dovesse qualificarsi tra i primi 30. A completare la top 5 il francese Hugo De Cancellis, alfiere del Team Trasimeno Yamaha. Il pilota ucraino Nick Kalinin ha concluso al sesto posto.

BENE ROVELLI - Il Day1 in Portogallo è stato positivo per il giovane italiano Filippo Rovelli, alfiere del team Kawasaki ParkinGo, alla ricerca dei suoi primi punti della stagione. Rovelli ha chiuso con 28 millesimi di vantaggio sulla campionessa in carica Ana Carrasco, portacolori del Kawasaki Provec team. A completare la top ten Borja Sanchez e Victor Steeman  - che ha siglato un tempo identico a Bruno Ieraci, anche se l'italiano lo ha fatto in mattinata.

I tempi su giro sono estremamente ravvicinati, se solo si considera che i primi 12 sono racchiusi in appena 8 decimi.

Per quanto riguarda gli altri italiani, Sabatucci ha concluso il venerdì con il 24esimo tempo, Bastianelli con il 26esimo, Giacomini è 29esimo.  Più attardati Carusi, Aloisi, Longo e Facco.