L’anno scorso, nella coppa del mondo Superstock, Lorenzo Savadori ha avuto un unico vero rivale nella lotta al titolo: Roberto Tamburini. Il romagnolo ha provato a strappare la corona al pilota Aprilia fino alle ultime gare ed anche se è uscito sconfitto dal duello, è diventato uno dei piloti di riferimento della categoria.

FAVORITO - Passato Savadori in Superbike, “Tambu” ha cambiato casacca, spostandosi nel box dell’Aprilia gestita dalla Nuova M2 Racing e diventando, di diritto, il favorito della vigilia per la vittoria finale. Ma un po’ di sfortuna e qualche errore di troppo non gli hanno permesso, nelle prime tre uscite del 2016, di confermarsi al vertice.

IN RIPRESA - Nel round di apertura di Aragon è scivolato nelle battute finali mentre si trovava in lotta per il podio mentre ad Assen non è riuscito ad andare oltre la 20esima posizione. Molto meglio è andata all’ultimo round di Imola, dove ha chiuso al quarto posto perdendo per un solo secondo l’ultimo gradino del podio centrato dal leader della classifica, De Rosa.

A Donington servirà quindi un risultato importante, per far “impennare” una stagione partita male (è ottavo in classifica a 44 punti da Mercado e De Rosa) ma ancora lunga. L’Italia della Superstock ha bisogno anche del miglior Tamburini.