... Ma anche senza fine anticipata, il risultato difficilmente sarebbe stato differente. Toprak Razgatlioglu scatta subito forte al via e in pratica chiude la gara dopo appena un paio di tornate, incrementando il distacco dagli inseguitori, giro dopo giro, senza possibilità per gli avversari. Un altro centro per la Casa giapponese - dopo quello di Rea in Gara1 SBK e di Sofuoglu in SuperSport - che sta letteralmente tingendo di verde il week-end di Portimao. A far sventolare le bandiere rosse nel finale, una pericolosa perdita di olio dalla Yamaha R1 di Florian Marino, in quel momento in seconda posizione. Gara interrotta e classifica congelata. Quindi, completano il podio Marino e Scheib, a lungo in bagarre tra di loro (e con Federico Sandi, ritiratosi, però, purtroppo, al sesto giro).

LA TOP TEN - Il primo italiano a tagliare il traguardo è invece Tamburini, sesto alle spalle di Jones e Guarnoni. Completano la TOP TEN, Suchet, Vitali, Rinaldi - giornata da dimenticare per il leader del Mondiale - e Finsterbusch.

I risultati completi li trovate qui.