Con l’arrivo in Europa del circus del mondiale Superbike, ha preso il via anche il campionato continentale della Superstock 1000, con 21 piloti al via.

Markus Reiterberger ha ripreso da dove aveva lasciato, ovvero dal gradino più alto del podio. Il tedesco ha conquistato la vittoria sul circuito spagnolo di Aragon in sella alla BMW del team Alpha Racing Van Zon, siglando la seconda affermazione consecutiva in Superstock 1000: Reiterberger aveva vinto, infatti, anche nell’ultimo round dello scorso anno, sulla pista spagnola di Jerez, sempre su BMW.

Reiterberger aveva già fatto segnare il miglior crono in qualifica, schierandosi così dalla pole position. Non è stata comunque una gara facile, perché Maximilian Scheib lo ha superato con la sua Aprilia controllando gran parte della gara. Il pilota cileno è stato poi sorpassato di nuovo da Reiterberger ed è quasi uscito per via di un problema tecnico. Scheib riuscirà comunque a concludere la gara in quarta posizione.

Sul podio con Reiterberger sono saliti Roberto Tamburini, sulla BMW del Barclaz Racing Team Federico Sandi, con la Ducati Panigale del team Motocorsa. I due italiani sono stati gli unici a tenere il passo di Reiterberger e Scheib. Tamburini ha concluso a poco più di due secondi dal vincitore, Sandi a 3’’7.

La top ten - Il francese Florian Marino, che lo scorso anno si era piazzato al secondo posto, ha tagliato il traguardo in quinta posizione, davanti alla Yamaha di Alessandro Andreozzi e all’Aprilia di Luca Vitali. A completare la top ten Luca Salvadori, ottavo con la BMW del team Barclaz, Riccardo Russo, con la Kawasaki del team CM, e lo spagnolo Xavier Pinsach, anche lui su Kawasaki, ma del team ETG.

Da segnalare il ritiro degli italiani Fabio Marchionni, per noie tecniche, e Alessandro Delbianco e Emanuele Pusceddu, incappati in cadute senza conseguenze.

Qui la classifica della gara.