Alvaro Bautista e Leon Haslam sulla nuova Honda, L’altro ex MotoGP, Scott Redding, all’esordio sul palcoscenico iridato sulla Ducati con cui ha vinto il BSB. Ma anche il fenomeno turco Toprak Ragzatlioglu passato alla Yamaha, Alex Lowes alla Kawasaki e Eugene Laverty alla BMW. E poi le novità Garrett Gerloff e Federico Caricasulo, il ritorno di Savadori e Forés, gli altri cambi di “casacca” di Camier, Rinaldi e Mercado. Senza contare le conferme del cannibale Jonathan Rea, Chaz Davies, Michael Van der Mark, Tom Sykes, Loris Baz. Senza dimenticare le wild card del cavallo di ritorno Aprilia. L’edizione 2020 della Superbike si preannuncia interessante come mai negli ultimi cinque anni. I temi da seguire saranno molti, con la speranza che quest’anno Rea possa trovare ancora più ostacoli nel suo cammino. Per il bene dello spettacolo e di questo campionato che tante emozioni ci ha regalato nella sua storia ultratrentennale. 

Anche noi, come media, dobbiamo e vogliamo fare la nostra parte. Per questo motivo, vi preannunciamo che questa stagione seguiremo il Mondiale in modo ancora più approfondito. Dedicheremo alla Superbike più pagine sul magazine e più spazio sul web. Perché, anche se le supersportive non si vendono più, le sfide delle derivate di serie emozionano sempre chi di motociclismo su pista è davvero appassionato. Il dossier che troverete su questo numero è soltanto l’inizio. E a proposito di derivate, molti di voi nelle ultime settimane ci hanno chiesto di aumentare gli approfondimenti tecnici: tutto da leggere, quindi, il primo confronto tecnico: Superbike contro Endurance

Il 2020 sta partendo. E noi vogliamo essere in pole position.