Spesso associamo il nome “Ducati” a tutta una serie di concetti ben definiti: Made in Italy, storia e tecnologia, innovazione e design, scelte meccaniche coraggiose. Ma anche senso di appartenenza, addirittura stile di vita. A chi è poco appassionato può sembrare una visione esagerata ma se facciamo attenzione, lo percepiamo facilmente dal modo in cui ogni ducatista tratta la sua moto, da come ne parla, dal modo in cui si relaziona con un altro ducatista. E da come partecipa, orgoglioso, al World Ducati Week, che speriamo possa tornare a essere a breve l’appuntamento clou del popolo “rosso” di tutto il Mondo.

Quando poi tutto questo si trasforma in vittoria sportiva, diventa una vera e propria apoteosi. Ne è un esempio l’affetto dei ducatisti nei confronti dei piloti capaci di regalare grandi emozioni (vedi Carl Fogarty, e soprattutto Troy Bayliss e Casey Stoner, per citarne tre tra i più amati) o la venerazione per alcuni dei modelli simbolo della storia racing, come la Desmosedici per la MotoGP e la 916 per la Superbike.

In questo speciale abbiamo voluto raccontare gli uomini e le moto che hanno reso grande la Ducati nel mondo delle corse attraverso le imprese più belle, i titoli Mondiali vinti (o sfiorati) e le decisioni non scontate. Molti li hanno ricordati i diretti interessati e possiamo riviverli anche attraverso le decine di scatti inediti che abbiamo selezionato per voi. Un viaggio lungo 95 anni, tutto da sfogliare.

MotoGP, Ducati: cercasi leader per contrastare Quartararo