L'editoriale del Direttore: Grazie, (Desmo)Dovi!

L'editoriale del Direttore: Grazie, (Desmo)Dovi!

Si ritira il pilota della “porta accanto”. L’unico in grado di contrastare il fenomeno Marc Marquez…

Andrea Dovizioso è sempre stato un anti-personaggio, nello scintillante mondo del Motomondiale. Un ragazzo umile, normale. Della porta accanto. Non ha spostato folle come Valentino Rossi, non ha avuto il “carattere” (e la lingua sciolta) di Jorge Lorenzo, né la guida appariscente di Marc Marquez o quella selvaggia di Casey Stoner. Eppure, grazie al suo talento e alla sua intelligenza sportiva, è riuscito lo stesso a emozionare.

Prima in 125, conquistando l’ultimo titolo di un quindicennio d’oro per i nostri colori, che vide trionfare anche Loris Capirossi, Alex Gramigni, Valentino Rossi, Roberto Locatelli e il sammarinese Manuel Poggiali. Poi nella 250, classe in

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora
  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi