GP Germania, disastro al Sachsenring per Honda: dalle stelle alle stalle

GP Germania, disastro al Sachsenring per Honda: dalle stelle alle stalle© Luca Gorini

Con Marc Marquez la Casa di Tokyo era ormai abituata a vincere sulla pista tedesca, ma quest’anno ha invece raccolto l’epilogo peggiore di sempre

20 giugno

L’assenza di Marc Marquez in casa Honda al Sachsenring si è fatta sentire più di quanto si potesse anche solo immaginare. Negli ultimi otto anni in MotoGP lo spagnolo ha sempre dominato e vinto alla guida della RC213V, che invece ieri nel Gran Premio di Germania non è neanche arrivata nella zona punti. Una situazione che sottolinea il duro momento che sta passando la Casa di Tokyo, ancora ben lontana dal fare progressi.

Una sonora sconfitta in Germania


Erano 11 anni che una Honda vinceva al Sachsenring, dal 2013 al 2021 con Marc Marquez e prima, dal 2010 al 2012 con Dani Pedrosa. Invece quest’anno nessuna delle quattro moto è addirittura andata a punti: Alex Marquez è stato il primo a dare forfait per un problema tecnico, il compagno di squadra nel team LCR Takaaki Nakagami è scivolato, Pol Espargarò è stato costretto al ritiro e l’unica Honda che ha visto il traguardo è stata quella del collaudatore Stefan Bradl, sostituto di Marc Marquez, sedicesimo. Una disfatta in piena regola.

Come quarant'anni fa, ma i motivi erano ben diversi


Per trovare l’ultima volta che una Honda non arrivò neanche nella zona punti bisogna andare indietro nel tempo e arrivare fino al 1982, quando tutti i piloti alla guida della moto di Tokyo, ovvero Freddie Spencer, Marco Lucchinelli, Takazumi Katayama decisero di non correre a causa delle pessime condizioni del tracciato di Nogaro.
La situazione odierna di Honda in MotoGP, inutile negarlo, è piuttosto seria ed è ormai evidente che non può essere solo Marc Marquez a salvare questa condizione.

MotoGP, sensazioni positive per Marc Marquez dopo la prima visita

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi