Il padrone di casa è lui e ha voluto dimostrarlo. Vincitore qui a Burinam un anno fa, Ratthapong Wilariot ha centrato anche il primo posto nella seconda sessione di libere del venerdì. LA TIGRE HA GRAFFIATO - In sella alla Honda CBR600RR, il thailandese è stato autore di una bella “zampata” nel finale che gli ha permesso di chiudere davanti a tutti grazie ad un buon 1’39”435. A farne le spese è stato il campione del mondo in carica, Kenan Sofuoglu, che dopo aver passato in testa quasi tutta la sessione si è visto retrocedere al secondo posto per un solo decimo di secondo. Il passo gara del turco però, è il più buono di tutti e, indipendentemente da come andrà domani nelle qualifiche, sarà l’uomo da battere per la gara di domenica. BALDOLINI TRA I PRIMI - Terza piazza per Jules Cluzel. Il francese della MV Agusta è stato tra i più attivi della sessione e alla fine ha chiuso a due decimi dal leader, seguito come un’ombra dall’altra F3 dell’inglese Gino Rea, autore di un tempo “fotocopia”. Il dominatore delle prove di stamattina, Randy Krummenacher (Kawasaki), è quinto, seguito da Smith, dall’ex-campione del mondo della 125, Terol e dall’azzurro Alex Baldolini (MV Agusta), buon ottavo a soli quattro decimi dalla vetta. A proposito di italiani, Zanetti è dodicesimo, Caricasulo è risalito fino alla quattordicesima piazza (dalla 23esima di stamattina) mentre Rolfo e Gamarino hanno chiuso rispettivamente 20esimo e 21esimo.