Un casco per un sorriso in più, per aiutare la ricerca. Marco Melandri si conferma campione in pista e soprattutto nella vita, sostenendo l’iniziativa #AccendiUnRicordo, il progetto di Airalzh Onlus, che vede coinvolte numerosi personaggi famosi, a favore della ricerca contro l’Alzheimer e le malattie neurodegenerative.

Il Macio metterà all’asta un oggetto molto significativo della sua carriera a due ruote: un casco replica del suo X-lite X-803, con la grafica utilizzata durante il campionato WorldSBK 2019. Non una stagione a caso visto che si tratta dell'anno di addio del pilota italiano, campione del mondo della classe 250 nel 2002 e primatista italiano di vittorie nella Superbike, con 22 successi.

Il casco X-803 è dotato del sistema di rimozione dei cuscinetti dei guanciali in caso di emergenza (NERS – Nolan Emergency Release System), di una visiera Dark - come quella utilizzata in pista da Melandri - con dispositivo Double Action, di un efficace sistema di ventilazione RAF (Racing Air Flow) ed una imbottitura interna di conforto Carbon Fitting Racing Experience.

Il prezioso casco è stato autografato da Melandri stesso in occasione di EICMA 2019, dove Melandri ha realizzato un breve video rivolto ai suoi fan invitandoli a sostenere la ricerca.

L’asta è attiva dal 25 novembre al 10 dicembre, per partecipare basta andare sul sito www.charitystars.com/Melandri.

Melandri: 'La FormulaE mi piace molto...' - VIDEO

L'iniziativa #AccendiUnRicordo

#AccendiUnRicordo nasce con lo scopo di coinvolgere personaggi diversi – appartenenti al mondo dello spettacolo, dello sport, della musica, del food e dell’arte – che hanno deciso di donare preziosi ricordi o esperienze indimenticabili ai loro fan a favore della ricerca contro l’Alzheimer, perché la malattia può colpire chiunque e il sostegno di tutti è fondamentale per riportare l’attenzione sui malati e le loro famiglie.

I ricordi sono una risorsa preziosa, soprattutto per un malato neurodegenerativo che vede scomparire ogni giorno la memoria dei suoi momenti più belli: in Italia più di 600.000 persone sono colpite dall’Alzheimer, la malattia del secolo, e i numeri purtroppo sono destinati a crescere visto il rapido invecchiamento della popolazione; proprio per questo la ricerca, che fino ad ora ha già fatto notevoli passi avanti, ha bisogno di essere sostenuta.

Tra i volti noti scesi in campo per questa importante causa anche l’attore comico e sceneggiatore Maccio Capatonda che per primo si è messo in gioco a favore di Airalzh. Seguiranno la scrittrice e sceneggiatrice italiana Paola Barbato e lo scultore Giuliano Vangi, uno dei massimi artisti contemporanei a livello nazionale e internazionale.

Le iniziative che compongono #AccendiUnRicordo sono tutte consultabili online su Charity Stars, e vedranno avvicendarsi nei mesi i vari volti noti che hanno scelto di appoggiare e promuovere l’operato di Airalzh e dei suoi ricercatori.