Il 2020 sarà l'anno della verità per Andrea Dovizioso e la Ducati, che cercheranno di riportare il titolo alla Casa di Borgo Panigale. E quando si pensa a un italiano vincente con la Rossa, non può che balzare alla mente il nome di Capirossi, di cui abbiamo deciso di ripercorrere la carriera.

Loris Capirossi è nato a Castel San Pietro Terme il 4 aprile del 1973. Soprannominato ‘Capirex’, ha vinto il mondiale 125 nel 1990 e nel 1991, e il mondiale 250 nel 1998.

Nel 1990 è stato il più giovane pilota ad aver conquistato il titolo iridato nella storia del Motomondiale: aveva infatti, poco più di 17 anni, e fece scalpore il fatto che non aveva ancor ala patente.   

Gli esordi


Debutta nella Sport Production nel 1987, in sella ad una Honda NS125, arrivando sesto. L’anno dopo arriva nono nel campionato italiano 125 GP in sella ad una Mancini TM; nel 1989 conquista il quarto posto nel campionato Europeo, vincendo tre gare.

L’esordio nel momondiale avviene nel 1990, in sella alla Honda RS125R del team Pileri: Capirossi vince il mondiale nel suo primo anno di gare, con tre vittorie, tre secondi e due terzi posti.

L’anno successivo si conferma campione del mondo conquistando cinque vittorie, cinque secondi e due terzi posti, e siglando per cinque volte la pole position.

Il terzo titolo mondiale


Nel 1992 è passato alla classe 250, sfiorando il titolo nel 1993. Nel 1995 passa alla classe regina con una Honda NSR500 prima e con una Yamaha poi, con cui vince la sua prima gara in 500 nel 1996.

Tornato in 250 nel 1997 su Aprilia, ha vinto il titolo della classe di mezzo nel 1998, con due vittorie, quattro secondi e tre terzi posti, più otto pole position, superando in classifica anche Valentino Rossi. L’anno successivo Capirossi conclude terzo in 250.

Nel 2000 torna in 500, con la Honda del team Pons, in squadra con Alex Barros, vincendo il GP d’Italia. Nel 2001 si classifica terzo nel mondiale.

I trionfi con Ducati


Nel 2003 passa alla Ducati ufficiale, in squadra con Troy Bayliss. Vince in Catalogna e sigla altri tre podi, concludendo quarto. Nelle stagioni successive concluderà il mondiale in nona, sesta, terza e settima posizione con Ducati, vincendo altre sei gare e cogliendo svariati podi.

Nel 2008 passa in Suzuki, dove disputa tre stagioni, e nel 2011 approda alla Ducati del Team Pramac, dove conclude la sua carriera agonistica, dopo 14 anni nella classe regina, 6 anni in 250 e 2 in 125.

Oggi è rappresentante di Dorna nella Race Direction della MotoGP.

Esclusivo, Capirossi: “Ducati ha un pacchetto doppiamente competitivo”