In attesa che finisca l’emergenza Coronavirus e parta la MotoGP, l’eSport può sbizzarrirsi a piacimento. Anche quest’anno ci sarà un campionato mondiale eSport, con quattro scontri diretti, di due gare ciascuno, tra gli sfidanti. 

I dati divulgati da Dorna a proposito dello scorso anno parlano di tre gare trasmesse da 15 emittenti televisive nei 5 Continenti, con un’audience globale di 64 milioni di visualizzazioni. Numeri che hanno convinto anche Ducati a lanciarsi nell’eSport in via ufficiale. E per non essere seconda a nessuno, la Casa di Borgo Panigale ha ingaggiato il numero 1: il campione del mondo in carica Andrea Saveri, schierato con il nickname di AndrewZh. E’ nata così la squadra ufficiale Ducati Corse di eSport.

Un Ducatista DOC


“L’eSport è una delle piattaforme di intrattenimento cresciute più rapidamente negli ultimi anni”, ha commentato Paolo Ciabatti, Direttore Sportivo Ducati Corse. “L’innovazione, il progresso e la tecnologia fanno parte del DNA della Ducati e per questo abbiamo deciso di impegnarci anche in questa nuova avventura.

“Già prima che Andrea diventasse campione lo scorso anno, avevamo iniziato a discutere con lui l’ufficializzazione di questo rapporto per poterlo avere con i colori ufficiali di Ducati Corse alla guida della Desmosedici GP virtuale nel Campionato del Mondo 2020. Andrea non è solo un pilota eSport straordinario, ma è anche un vero Ducatista: è di Bologna, vive a pochi chilometri da Borgo Panigale, guida una Ducati Monster e questo per noi è un valore aggiunto. Gli auguriamo un grandissimo ‘in bocca al lupo’ e non vediamo l’ora che inizi il nuovo campionato”.

Un traguardo inaspettato


“Quando ebbe inizio il mondiale eSport non avrei mai pensato di poter arrivare a questo traguardo”, ha detto Andrea Saveri, alias AndrewZh. “Diventare pilota ufficiale Ducati e vestire i colori della squadra di Borgo Panigale è un sogno diventato realtà, soprattutto per un giovane di Bologna come me, appassionato di motociclismo fin da piccolo e che sa cosa significa essere Ducatista.

“Nonostante sia un momento particolarmente complicato nel mondo, noi abbiamo potuto competere per stabilire il ProDraft della classifica, dove non è stato facile ottenere l’accesso alla fase finale, perché il livello quest’anno è veramente molto alto. Sarà una stagione molto speciale, nella quale spero di ripagare la fiducia dimostratami da Ducati ottenendo grandi risultati”.

AndrewZh sarà infatti presente nella fase finale del campionato del mondo dopo aver conquistato l’ottava posizione nella classifica “ProDraft” e farà parte del gruppo di 11 finalisti che si contenderanno il titolo in questa stagione.

Chi è AndrewZh


Nato a Bologna 19 anni fa da una famiglia ‘ducatista’, Andrea Saveri  si è sempre rivelato protagonista in tutte le edizioni del Mondiale MotoGP fin dal suo debutto nell’eSport: nel 2018 si è classificato in terza posizione e lo scorso anno ha terminato al primo posto ai comandi di una Desmosedici GP, anche se in quel momento non era ancora un pilota ufficiale Ducati.

Quest’anno l’obiettivo di Ducati e di AndrewZh è riconfermare il titolo mondiale conquistato nell’ultimo appuntamento di Valencia della scorsa stagione, dove ottenne la vittoria finale con due punti di vantaggio sul secondo classificato.

Oltre a poter seguire le sue battaglie sullo schermo, i fan potranno conoscere meglio AndrewZh nel corso della stagione, durante alcuni eventi promozionali organizzati da Ducati e che non sono ancora stati comunicati.

MotoGP: domenica la 2^ gara virtuale. C’è Rossi