Una vera innovazione tecnologica, improntata al massimo rispetto dell’ambiente circostante: a raggiungere questo obbiettivo ambizioso è l’azienda toscana Manifattura Primatex, che ha realizzato la prima tuta da moto in tessuto omologata in tripla “A”.  Proprio così: la nuova tuta Virus Power è confezionata con materiali completamente riciclabili e in totale assenza di componenti di origine animale. Un risultato mai raggiunto sinora da qualsiasi altro capo analogo.

Con un parallelismo storico, potremmo dire che come molti anni fa la Toscana aveva fatto nascere e sviluppare i temi e gli ideali del Rinascimento, oggi si propone come un nuovo punto di partenza nel segno della sicurezza e del comfort grazie alle intuizioni del Director Manager Christian Priami e dello staff tecnico della sua azienda.

I punti di forza


Resistenza e leggerezza, traspirabilità e rispetto dell’ambiente sono alcune delle caratteristiche di questa tuta in tessuto, che grazie all’utilizzo del tessuto innovativo brevettato Multiprotective assicura standard di sicurezza davvero elevati.

I valori di tenuta ad abrasione e strappo sono 10/12 volte più alti di quanto prescritto dalle normative vigenti (la resistenza allo strappo nelle zone 1-2, prevista dalla FprEN17092:2019, è  > = a 50 N, la tuta Virus Power offre un valore > = 550 N). La resistenza meccanica e fisica dei materiali che compongono le tute Virus Power è talmente elevata che consente la realizzazione di DPI senza bisogno di materiale di rinforzo.

Il peso della tuta Virus Power omologata in tripla A è inferiore a 4 kg, ovvero il 25/30% in meno rispetto a una tuta in pelle della stessa taglia e omologata in doppia A.

Le tute Virus Power sono anche idrorepellenti e quindi non necessitano di nessun capo supplementare per proteggersi dalla pioggia. Altri due fattori importanti: riduzione al minimo della sudorazione e della conseguente perdita di liquidi. Inoltre, la tuta Virus Power può essere lavata in qualsiasi lavatrice domestica.

Personalizzabile e isolante


Il tessuto Multiprotective, con il quale sono realizzate le tute Virus Power, si presta alla stampa digitale con estrema precisione dei dettagli e una grande brillantezza dei colori. Questo tipo di stampa rende possibile la completa personalizzazione e la creazione di design unici. Ogni tuta può raccontare la storia, le passioni e gli amori di chi la indossa.

Inoltre potere isolante del tessuto Multiprotective promette, in caso di scivolata, un bassissimo scambio termico che protegge il pilota da eventuali bruciature.

Leggerezza, vestibilità e traspirabilità permettono libertà di movimento e una riduzione al minimo della perdita di liquidi, riducendo lo stress fisico e migliorandone le performance.

Il prototipo è dedicato a Leonardo Da Vinci


"Il prodotto che presentiamo sul mercato è il risultato di una costante ricerca di soluzioni tecnologiche nel settore dei tessuti tecnici per la sicurezza”, spiega Christian Priami, Director Manager di Manifattura Primatex.

La nostra azienda, nata nel 1997, ha nel DNA la costante ricerca dell'innovazione di processo e di prodotto. Lo staff, composto da persone giovani e motivate, è stimolato quotidianamente da sfide impegnative quanto entusiasmanti”.

La Primatex, però, non intende sedersi sugli allori.

I risultati raggiunti con la tuta Virus Power in termini di sicurezza ci confortano, ma ci spronano contemporaneamente alla ricerca del nuovo limite da superare”, aggiunge Christian Priami. “Manifattura Primatex srl è orgogliosamente un'azienda toscana, con quartier generale a Prato, a pochi chilometri da Firenze, capitale del Rinascimento. Una realtà high-tech, ma che guarda sempre alla propria storia ed ai suoi figli migliori. In questo senso abbiamo dedicato il prototipo della prima tuta prodotta a Leonardo da Vinci, genio universale, in occasione dei 500 anni dalla sua scomparsa", conclude Christian Priami.

Mercato MotoGP: Ducati in bilico tra Dovizioso e Lorenzo?