Grande successo di partecipanti per il primo round del campionato europeo e italiano di Velocità in Salita, che si è disputato lo scorso weekend a Forca di Cerro, con l’organizzazione del Moto Club Spoleto: ben 154, infatti, i piloti presenti nelle varie specialità, che hanno ricompreso anche le moto d’epoca e il cronoclimber.

Le gare del sabato


Nella classe 250 Open 2T, successo in gara1 per Loris Guerrini davanti a Guido Testoni, che si è aggiudicato gara2 e la vittoria assoluta per aver prevalso nella seconda frazione.

Fra le Super Open 600, Maurizio Bottalico (nella foto in basso) ha fatto doppietta in sella ad una Yamaha piazzandosi in entrambe le gare davanti a Luca Partigliani su Honda e Marco Queirolo su Yamaha.

Nella classe regina, la SuperOpen 1000, Stefano Bonetti ha portato in trionfo la sua BMW 1000 del team Matylji Racing, siglando un crono di 2 secondi più veloce di Francesco Maria Piva, su Suzuki, e di Tommaso Niccoli Vallesi, terzo.

L’incidente di domenica


La giornata agonistica di domenica è stata interrotta da un grave incidente occorso ad uno dei piloti della classe Super Open 600: Giacomo Papa.

Erano state disputate le prove ufficiali di tutte le classi e le gare di Cronoclimber e Epoca Gruppo 3, 4 e 5, quando ha preso il via il Campionato Europeo e Italiano Velocità in Salita: nella prima delle due manche della domenica, dove si sono imposti Stefano Bonetti nella Super Open 1000, Maurizio Bottalico nella Super Open 600 e Guido Testoni nella 250 2 Tempi, è avvenuto il brutto incidente di Giacomo Papa.

Secondo quanto riportato da Umbriaon.it, il pilota - 43enne originario dell’Abruzzo – ha perso il controllo della sua Kawasaki in una curva. Immediati i soccorsi del 118: Papa è stato trasferito in elicottero all’ospedale di Perugia, dove è attualmente ricoverato nel reparto di rianimazione e in prognosi riservata, ma in condizioni stazionarie.

Bottalico da record


Le competizioni della domenica si sono interrotte dopo l'incidente, e non è stata disputata gara2 per questioni logistiche (il tempo per i soccorsi avrebbe fatto slittare troppo in avanti il programma di gare).

Da rilevare, che il tempo siglato da Maurizio Bottalico è il nuovo record del tracciato: il forte pilota di provenienza pistaiola ha fermato il cronometro sull'106''57.

Nella classifica assoluta, dunque, i protagonisti sono Stefano Bonetti e Maurizio Bottalico, arrivati così il sabato, e in ordine inverso la domenica.

“Dopo qualche anno è stato emozionante ritornare alle gare in salita”, ha commentato Stefano Bonetti. “Primo posto nella categoria 1000 sia nell’italiano che nell’europeo, sia sabato che domenica… Sabato primo e domenica secondo assoluto…", è il riepilogo di Bonetti sul suo profilo social. "Un pensiero al pilota infortunato, che si rimetta presto”, è l’augurio del road racer e pluricampione delle salite.

"A Forca di Cerro ho corso per l'Europeo e anche per il campionato Italiano, che ho vinto lo scorso anno nella classe 600", ci dice Maurizio Bottalico. "Il sabato ci siamo giocati l'assoluta con Stefano e l'ha spuntata lui, ma abbiamo vinto entrambi nelle nostre categorie. La domenica ci siamo confermati nelle nostre classi e l'assoluta l'ho vinta io, siglando il record. E' stata una gara massacrante per il caldo, soprattutto all'arrivo, perché dopo la propria gara si deve aspettare che tutti i concorrenti della propria classe disputino la loro prova prima di tornare alla base e potersi togliere la tuta, e sotto il sole faceva veramente caldo", conclude Bottalico. 

GP Stiria, Rins: “Non capisco perché Vinales non si è ritirato”