La Scuola dei Campioni di Aprilia cresce e aggiunge un nuovo tassello: il Trofeo FMI Aprilia RS 660, dedicato ai piloti dai 15 anni in su. Sarà un campionato che farà leva sull’accessibilità, per essere alla portata del più vasto numero possibile di giovani piloti.

 

La filiera di Aprilia


Organizzato da Aprilia e dalla FMI, vuol essere la continuazione ideale del campionato FMI Sport Production 250 che ha esordito nel 2020, per far crescere e a valorizzare i giovani talenti del motociclismo italiano a partire già dagli 11 anni.

Il mezzo sul quale battersi sarà la nuova bicilindrica Aprilia RS 660, appena arrivata sui mercati di tutto il mondo e che sta dimostrando già grande versatilità, sia in strada che su pista.

La moto


Aprilia RS 660 è una moto che, già nella versione stradale, è stata progettata per massimizzare il piacere di guida grazie a una ciclistica rigorosa, in stile Aprilia, e grazie al nuovo bicilindrico da 660 cc capace di erogare 100 cavalli. Insomma, una moto “facile” e leggera, che vuol essere divertente e far innamorare nuove generazioni di motociclisti.

Su questa base Aprilia Racing ha creato la versione Trofeo, che si annuncia ideale per traghettare i piloti più giovani dalle cilindrate e dalle potenze di esordio verso mezzi più performanti, favorendone il percorso di crescita in gara e nella gestione di un intero campionato.

La versione Racing


Grazie alla componentistica racing, rispetto alla versione stradale sarà ulteriormente ridotto il peso, che dovrebbe attestarsi intorno ai 150/160 kg e crescerà la potenza, che supererà la soglia dei 100 cavalli.

Più estrema e affilata ma sempre intuitiva, la RS 660 Trofeo è stata sviluppata insieme a Lorenzo Savadori e Tommaso Marcon e permetterà insomma ai piloti a partire dai 15 anni di mettersi alla prova con un mezzo dal rapporto peso/potenza decisamente favorevole, in un vero monomarca dove far emergere le proprie doti e iniziare a costruire il proprio futuro agonistico. Le iscrizioni apriranno a gennaio 2021.

Motoweek: intervista a Lorenzo Savadori