Il 2021 in casa Honda è ufficialmente iniziato. La Casa giapponese ha infatti presentato, ovviamente via web visto il perdurare della crisi Covid, il proprio programma sportivo per la prossima stagione, che come di consueto toccherà tutte le latitudini del mondo a due ruote.

A fare gli onori di casa è stato l’amministratore delegato del comparto moto Honda, ossia Noriaki Abe, che quest’anno ha potuto festeggiare (tra le altre cose) la vittoria numero 800 nel Motomondiale. “Abbiamo dovuto fronteggiare una crisi inaspettata quanto complicata - spiega Abe - ma ora vogliamo pensare al futuro, e dunque alla prossima stagione. Continueremo ad impegnarci in maniera totale nelle classi regine dei campionati MotoGP, Motocross e Trial, avremo un team direttamente collegato con la casa in Superbike e Dakar, e potremo contare sui nostri team satelliti in EWC e AMA Supercross”.

Marquez: “Stagione inusuale per tutti, soprattutto per me. Nel 2021 voglio tornare più maturo"


Il palco (virtuale) è stato ovviamente lasciato a tutti i piloti che nella prossima stagione difenderanno i colori della Casa di Tokyo nelle varie categorie, dallo sterrato del Trial fino all’asfalto della MotoGP, passando per il mondiale MXGP e la Superbike.

Ultimo in ordine di apparizione come le grandi superstar l’infortunato Marc Marquez, che dalle mura di casa ha mandato il proprio messaggio di saluti. “La stagione 2020 è stata difficile ed inusuale per tutti, specialmente per me: purtroppo l’infortunio di Jerez ha condizionato l’intera annata, a causa di alcuni problemi legati alla riabilitazione. In ogni caso guardo avanti, anche grazie ai tanti messaggi ricevuti dai tifosi, per tornare più forte e più maturo nel 2021”.

MotoGP, Tardozzi: “C'è da riflettere molto per il futuro”