Master in Ingegneria della moto da corsa: archiviata la prima parte di stagione

Master in Ingegneria della moto da corsa: archiviata la prima parte di stagione

A gennaio ripartono le attività del Master organizzato da Professional Datagest. Ecco il bilancio della prima metà dell'anno e i contatti per avere informazioni sulla prossima edizione 

Redazione Motosprint

17 dicembre

Inizio scoppiettante per il Master in Ingegneria della moto da corsa, organizzato dalla società di formazione manageriale bolognese Professional Datagest (con media partner InMoto e MotoSprint di Conti Editore), che in questo 2021 ha già dato avvio alla sua la decima edizione. Undici weekend di formazione, caratterizzati dalle lezioni dei docenti e delle testimonianze di nomi eccellenti del bike motorsport, e da oltre a 100 ore di attività formative. Dinamica del veicolo, elettronica, progettazione CAD, con in più gli approfondimenti sul lavoro in un racing team.

Dalla dinamica del veicolo alla progettazione: i focus del Master


In questa prima parte della stagione, gli allievi hanno iniziato sin da subito a respirare aria di pista, esplorando, insieme al Coordinatore Tecnico del Master, il Responsabile Progettazione e Dinamica del Veicolo di Ducati Corse Riccardo Savin, le principali competizioni a due ruote, con un particolare focus sulla MotoGP. Passando poi all’intervento sui regolamenti sportivi di Francesco Inglese, commissario tecnico internazionale della Federazione Motociclistica Italiana, associazione patrocinante del Master insieme a Confindustria ANCMA e Fondazione Marco Simoncelli.

Imprescindibile la conoscenza del comportamento di una moto da corsa, che i partecipanti possono apprendere attraverso il modulo relativo alla dinamica del veicolo, tenuto da Nicolò Mancinelli, Tyre and Experimental Vehicle Dynamics Group Manager di Ducati Corse.

Per quanto riguarda l'ambito della progettazione CAD, Alessandro Ferri, PTC contractor e co-titolare dello studio di progettazione Ferri Engineering ha mostrato agli allievi come sviluppare una mentalità da veri progettisti, migliorando anche il proprio lavoro con l'applicativo PTC Creo. Mentre José Manuel Cazeaux, Crew Chief di Alex Rins, pilota del Team Suzuki Ecsta, ha permesso ai futuri ingegneri di osservare da vicino i contenuti ad alta tecnologia di una MotoGP, con un particolare focus approfondito sull’elettronica, ambito, insieme all'aerodinamica, che negli ultimi anni ha completamente rivoluzionato il mondo delle competizioni e che continuerà a richiedere un grande sviluppo futuro.

Tra una lezione e l'altra non sono mancate poi le occasioni per incontrare esperti del settore. Un “viaggio nelle eccellenze”, iniziato con la testimonianza di Daniele Penati, coordinatore dei progettisti racing di Brembo; al quale hanno fatto seguito gli incontri con Luca Bonetti, ex-Allievo del Master ora Race Support Team Manager di Regina Chain, e Daniele Prosperi, Software Engineer di Marelli Motorsport. Tra le novità di questa edizione, anche uno speciale incontro, organizzato da Confindustria ANCMA, con i responsabili di Fantic, Aprilia Racing e MV Agusta in occasione di EICMA 2021.

I contatti per partecipare


Sebbene il Master non sia ancora finito - le attività riprenderanno a gennaio con il modulo di Aerodinamica e Materiali Compositi una visita ad Andreani Group, per poi culminare a giugno nelle prove finali della sfida di progettazione e della giornata in pista - chi fosse interessato a partecipare alla prossima stagione può già prendere contatto con Professional Datagest allo 051 220601, via mail a info@professionaldatagest.it o tramite la pagina dedicata al Master.

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi