Andare alle gare di Eddi? Per me inizialmente è stato difficile. Poi mi sono abituata, adesso sono tranquilla in pista… Certo, i ricordi ogni tanto vengono fuori però ho imparato a mettere da parte quell’aspetto”, ci racconta Alessia Polita nella nostra intervista allo stand di Motosprint.

“La sua vittoria che mi è piaciuta di più? Ho preferito quella di Misano, un po’ perché è la pista dove abbiamo avuto bruttissimi incidenti entrambi, e poi perché terminata la gara si è fermato e mi ha dato un bacio. Per me quella è stata la vittoria che ha rappresentato il campionato”.

Un pilota ha bisogno di una persona che capisca bene quello che significa correre. Non è facile trovare una persona che ti affianca e che ti sprona a fare ad affrontare un weekend nel modo in cui deve essere affrontato”, aggiunge Eddi La Marra. “Noi ci siamo sempre spalleggiati, anche prima che si facesse male ci aiutavamo. Quando ho delle domande, delle incertezze, le dico ‘a te che mi hai guardato da fuori che te ne sembra?’ Lei non è che ha fatto la farmacista, quindi lo capisce bene cosa significa andare in moto. E’ una grande aiuto, perché è una persona con cui condividere la vita e anche lo sport…”