Come tutto il mondo dello sport, anche le road races sono bloccate dal Coronavirus, ma il mercato piloti non si ferma e regala una grande notizia agli amanti delle corse su strada: Ian Hutchinson torna tra le fila del team TAS Racing, grazie al supporto del nuovo main sponsor SYNETIQ.

Ian non vede l’ora di tornare in sella


“Concludere questo accordo con Philip [Neill] e SYNETIQ BMW per la stagione delle Road Races è veramente perfetto per me - ha spiegato ‘Hutchy’ -, se devo essere onesto ho segretamente sperato che succedesse per tutto l’inverno”.

“Ho avuto davvero successo e mi sono divertito molto l’ultima volta che ho guidato la S1000RR per TAS Racing, ed essendomi preparato così bene a gennaio e febbraio, sono pronto per gareggiare appena cesserà il lockdown”, ha concluso il 16 volte vincitore al TT.

Dopo un inverno intenso, passato ad allenarsi tra trial, ciclismo e test in Spagna - in sella alla BMW S1000RR preparata dalla Shaun Muir Racing - Hutchinson non vede l’ora di mettersi alle spalle la difficile parentesi in Honda e riprendere dai risultati ottenuti con il team TAS. Nel biennio 2016/17, infatti, il rider britannico era riuscito a trionfare nel BSB, alla NW200 e all’Ulster GP; conquistando anche tre vittorie e due podi al Tourist Trophy, prima di rompersi il femore nella gara Senior.

Ma il rischio che l’unico uomo capace di conquistare 5 vittorie al TT nella stessa settimana restasse senza sella per il 2020, era assai più concreto di quanto non possa sembrare.

Un matrimonio propiziato dall’arrivo del nuovo sponsor


Dopo l’abbandono di Tyco, infatti, il Team TAS si è trovato a un passo dall’addio alle road races. E a cambiare le carte in tavola è stato l’arrivo del nuovo sponsor SYNETIQ, che ha permesso di celebrare il matrimonio tra “The Bingley Bullet” e il ribattezzato team SYNETIQ BMW Motorrad.

“Onestamente pensavo che i nostri giorni con Ian si fossero conclusi dopo la nostra vittoriosa partnership del 2016/17”, ha dichiarato il team manager Philip Neill, prima di mostrare il suo entusiasmo per il ritorno Hutchinson.

“Siamo lieti che Ian fosse disponibile ed estremamente propenso a tornare con TAS Racing. Le persone possono avere diverse opinioni sui vari piloti, ma una cosa su cui tutti possono essere d'accordo è la totale determinazione dimostrata più volte da Hutchy - ha aggiunto Neill -. La dedizione e l’impegno che mette nella sua preparazione non smettono mai di stupirmi, ed è per questa ragione che è l’uomo perfetto per guidare SYNETIQ BMW in questo nuovo capitolo del nostro viaggio agonistico. Possiamo solo sperare che ci sia un’opportunità per celebrare la partnership in questo 2020”.

Se l’emergenza Covid-19 permetterà di correre qualche gara, siamo certi che Ian si farà trovare pronto.