Chiunque sia stato al Tourist Trophy lo sa perfettamente, oltre ad essere una gara, quello sull’isola di Man è soprattutto un incredibile festival in cui si celebra la passione per il motociclismo a 360°. Lo testimoniano i tantissimi riders che ogni anno, puntualmente, vi giungono con qualsiasi mezzo a due ruote, e non necessariamente d’impronta sportiva. Al punto tale che - non voglio esagerare - la competizione passa quasi in secondo piano. Molto più intenso è il piacere di esserci, in moto, e di respirare a pieni polmoni le sensazioni che solo certe esperienze sanno trasmettere. 

È per questo, che al di là di come la si pensi sulle road races, la nascita di un nuovo evento come la Diamond Races sull’isola di Wight (si, proprio quella degli hippy cantata dai Dik Dik) è da accogliere con favore. Un nuovo festival della moto, proprio in stile TT, in cui far crescere e fermentare l’amore per le due ruote a motore, e magari attrarre “nuove leve”, grazie anche alla vicinanza ad una grande città come Londra (a circa due ore) e, in generale, ad una maggiore facilità ad essere raggiunto rispetto all’isola di Man.

Posizione strategica


L’isola di Wight, infatti, si trova nella parte meridionale della Gran Bretagna, quindi strategicamente protesa al resto d’Europa. Inoltre, gli organizzatori confidano in un bacino di utenza che, solo nel sud dell’Inghilterra, conta oltre 17 milioni di persone. Il primo appuntamento è già in calendario per il mese di ottobre 2021 e tutto lascia intendere la volontà di creare un evento dal forte appeal emozionale. A partire dal percorso di circa 20 km disegnato per la gara, che si dipana sulle rinomate strade dell’isola, tra la costa e l’entroterra, attraverso i pittoreschi villaggi di Chale, Kingston, Shorwell e Brighstone.

Evento di chiusura


Il programma della corsa prevede due giorni di prove, il mercoledì e il giovedì, seguiti dalle gare a cronometro il sabato. La data esatta dell'evento - ideato come un appuntamento regolare, per celebrare la fine della stagione motociclistica britannica - verrà annunciata dopo la pubblicazione del calendario della British Superbike 2021. La Diamond Races, infati, si terrà una settimana dopo la conclusione della stagione Superbike britannica sul circuito di Brands Hatch, nel Kent, accogliendo Superbike, Supersport e SuperLight, oltre ai sidecar e alle moto elettriche.

Crutchlow: “Il TT? Mi piacerebbe, ma poi dovrei divorziare”

Il pubblico potrà provare il tracciato


La Diamond Races si svolgerà secondo le rigide regole stabilite dall'organo di governo dello sport, l'ACU (Auto Cycle Union), attraverso il quale vengono amministrati tutti gli sport motociclistici del Regno Unito, con la sicurezza stradale al centro delle gare e una meticolosa attenzione all’incolumità di motociclisti, spettatori e funzionari; incorporando, inoltre, una strategia per promuovere la sicurezza stradale.

Tra gli eventi in programma, anche la possibilità, per gli appassionati, di guidare sul percorso di gara durante sessioni dedicate chiuse al traffico, “condotti” da nomi celebri delle road races. Il tutto, per provare l'ebbrezza delle corse su strada in piena sicurezza.

Per l'Isola di Man altra rinuncia: niente ClassicTT e ManxGP