È ormai risaputo che, così come quest'anno, anche nel 2021 non verrà disputato il Tourist Trophy sull'Isola di Man a causa dell'impossibilità di organizzare il tutto per via della pandemia da Covid-19. I protagonisti, nonostante abbiano accettato e compreso la decisione, non hanno nascosto il proprio disappunto, nel non poter partecipare alla corsa più importante della stagione su strada.

Tra questi c'è anche John McGuinness, il secondo pilota più vincente di sempre con ben 23 trionfi al TT, che ha ammesso di esserci rimasto male in quanto quella del 2021 sarebbe stata, probabilmente, la sua ultima apparizione in veste di pilota.

"Non voglio che la mia carriera si chiuda così"


"Sono triste, perchè ho ancora del lavoro da fare sull'Isola - ha detto McPint ai microfoni di Bennetts UK - e non voglio finire così la mia carriera al Tourist Trophy. So che ai piloti più giovani non importa particolarmente della cancellazione per il prossimo anno visto che ci torneranno ancora molte volte, ma per me sarebbe stato, probabilmente, l'ultimo TT."

Il pilota di Morecambe non ha poi nascosto il proprio amore per la corsa più antica del mondo: "Amo quel posto e, quando non correrò più, mi vedrete ancora lì a guardare le gare e a frequentare i pub dell'Isola. In ogni caso, sono sicuro che gli organizzatori utilizzeranno il tempo a loro disposizione per migliorare ancora l'evento da punto di vista dello spettacolo".

TT, Peter Hickman: “Dispiaciuto per la cancellazione, ma la salute è più importante”