Road Races, Lee Johnston rivela: “Ho una malattia rara”

Road Races, Lee Johnston rivela: “Ho una malattia rara”© BMW Press Group

Il pilota nord irlandese ha fatto sapere attraverso i social di soffrire di spondilite anchilosante e di non essere sicuro di poter continuare a gareggiare. "Dovrò fare iniezioni per il resto della mia vita"

Il pilota nord irlandese Lee Johnston, vincitore del Tourist Trophy del 2019 nella categoria Supersport e protagonista anche su pista nel contesto del British Superbike, ha reso noto a tutti di soffrire di una rara malattia che potrebbe mettere a rischio il proseguo della propria carriera.

Si tratta della spondilite anchilosante, una malattia infiammatoria che colpisce le articolazioni della colonna vertebrale rendendola meno mobile e flessibile. A causa delle proprie condizioni, è ora in dubbio la partecipazione del "Generale Lee" alle corse di quest'anno.

Classic TT 2019: la schiacciante vittoria di Anstey contro il cancro

Le parole di Lee Johnston


Il 32enne di Fermanagh ha raccontato il tutto attraverso il proprio canale YouTube: "Sono stato fortunato perchè, tutto sommato, i medici hanno capito in fretta quale fosse il mio problema, ma all'inizio il dolore che sentivo era davvero insopportabile. Dovrò fare delle iniezioni periodiche per il resto della mia vita, ma spero che la situazione non continui a peggiorare".

"Non so cosa accadrà adesso. Nel caso riuscissi a non provare dolore, sicuramente continuerò a praticare sport e, al momento, mi sto provando ad allenare per poter gareggiare almeno quest'anno. Per ora, non posso far altro che sperare di riuscire a tenere la situazione sotto controllo", ha detto il pilota dell'Ashcourt Racing, che quest'anno dovrebbe prendere parte alla già citata Supersport Britannica e al Gran Premio Motociclistico di Macau.

Max Biaggi pronto a superare i 410 km/h con la Voxan elettrica

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi