Indipendentemente dalla pandemia da Covid-19, nel 2020 sarebbe stato impossibile per il Dundrod and District Motorcycle Club organizzare l'Ulster GP a causa di ingenti difficoltà finanziarie che proseguono tutt'ora ladciando il punto di domanda sul futuro della corsa su strada più veloce del mondo.

Per evidenziare i problemi economici dell'organizzazione, basti pensare che Peter Hickman, dominatore dell'edizione 2019 con record della pista e vittoria in ogni gara a cui ha preso parte ed impegnato a tempo pieno nel BSB quest'anno, sta ancora attendendo il proprio premio in denaro e, anche in base a quello, deciderà se prendere parte alla prossima edizione.

IRRC: la stagione 2021 scatta questo weekend a Chimay

L'edizione del centenario


Seppur con tutti i punti di domanda del caso, infatti, il tracciato stradale situato nell'Irlanda del Nord sembra intenzionato ad ospitare l'edizione 2022 che rappresenterebbe per il Dundrod Circuit l'edizione del centenario della manifestazione. Una vera e propria "milestone" a cui l'organizzazione sta già lavorando duramente.

Come si legge dal comunicato ufficiale del Dundrod and District Motorcycle Club, l'obiettivo è quello di ripristinare il tutto: "Fin dalla fine dell'edizione 2019, stiamo lavorando per risolvere i nostri problemi finanziari e sicuramente la pandemia ha rallentato il tutto, ma abbiamo fatto dei passi in avanti e ci auguriamo di proseguire su questa strada. Stiamo cercando di far rinascere l'Ulster GP e nei prossimi mesi cercheremo di organizzarci al meglio per permettere il regolare svolgimento dell'edizione del 2022, che rappresenterà quella del centenario della corsa più veloce al mondo".

Road Races: Norton e Warwick University uniscono le forze