Le forze in campo sono chiare a Indianapolis. Valentino Rossi deve tenere la leadership della classifica, mentre da Lorenzo in poi devono dargli la caccia per non farlo scappare in campionato. Mentre le strategie sono in elaborazione, però, gli occhi di tutti sono verso il cielo. La vera incognita della decima gara della stagione sarà quella che riguarda il meteo. La pioggia, infatti sta già condizionando le prove del campionato Moto America che si corre come contorno alla MotoGP. Il fatto è che non è ancora chiara la situazione dei prossimi giorni. Le previsioni parlano di condizioni di asciutto per venerdì e per buona parte del sabato, mentre per domenica la pioggia dovrebbe assillare tutti dalle 9 alle 18. Se queste previsioni si confermassero ci sarà da capire - forse solo nella giornata di gara - come reggeranno le Bridgestone sul nuovo asfalto di Indianapolis, che è stato posato solo lo scorso anno. Con questa incertezza, a disturbare i giochi di classifica potrebbero arrivare gli outsider, che vanno da Pol Espargarò a Bradley Smith, senza dimenticare nemmeno Danilo Petrucci, da sempre uno specialista del bagnato. In condizioni di pioggia possono venire fuori anche le Suzuki e le Aprilia a complicare le cose ai big e a rendere ancora più interessante lo spettacolo. E' curioso comunque che nella pur avanzata America, non esiste ancora una previsione certa per gli eventi meteorologici a breve,  ma ricordiamoci anche che nella prima gara che si è disputata nell'ovale, nel 2008, un nubifragio con venti molto forti si abbatté su questa zona, cancellando la gara della 250 e riducendo di molto la MotoGP, che venne vinta da Rossi.

Luca Bologna