Sarà una lotta apertissima quella che si faranno Valentino Rossi e Jorge Lorenzo sulla pista di Motegi in Giappone. Il nove volte iridato non si è nascosto durante la conferenza stampa di presentazione del GP del Giappone, manifestando una sicurezza invidiabile. "Questo campionato è molto difficile - ha detto Rossi - è ancora al 100% aperto. Davanti a noi ci sono le ultime quattro gare e di sicuro sarà il momento più difficile della stagione, perché tutto è più concentrato e più vicino. Le tre gare di fila che abbiamo da correre non mi spaventano, ma è una situazione che mi piace molto, mi piacciono molto anche i tracciati partendo da Motegi dove sono riuscito a vincere solo due volte, ma a parte questo abbiamo avuto buoni risultati in passato. L'anno scorso è stata una buona gara e di solito Jorge è molto forte qui, avendo vinto negli ultimi due anni. Sono pronto per dare il massimo e fare del nostro meglio con la squadra, per cercare di arrivare sul podio e fare una buona gara e una bella battaglia come ad Aragon". Gli avversari di Valentino Rossi vengono da una settimana veramente difficile. Jorge Lorenzo ha subìto la lussazione di una spalla mentre si allenava con le minimoto, mentre Marc Marquez si è rotto il mignolo di una mano mentre girava con il dirt track. "Ho avuto un incidente sabato scorso - ha detto Lorenzo - e per questo ero piuttosto preoccupato perché in un primo momento ho pensato che la situazione poteva essere molto peggio di quanto poi non fosse. Quando sono arrivato in ospedale, prima della radiografia, ero anche preoccupato perché pensavano di avere bisogno di una nuova operazione. Per fortuna tutti gli esami hanno scongiurato la possibilità di tornare sotto i ferri e io ho tirato un sospiro di sollievo. Sono meno preoccupato ora, ma devo confessare che un po' di dolore lo sento. Per fortuna la situazione è migliorata ogni giorno e ho fatto tutto il possibile per accelerare il processo di recupero. Penso che domani andrà meglio e domenica penso di essere finalmente in forma. Forse non sarò al 100% ma sono anche non al 100% con le curve a destra, vedremo". "Il mio infortunio - ha detto Marc Marquez - non è poi così grave, va bene è diverso da quello di Jorge perché io ho un'osso rotto, ma mi sento bene e vedremo domani come ci sentiremo sulla moto. Sono un po' preoccupato solo nei punti di frenata, visto come stiamo spingendo in questa stagione. Cercheremo di risolvere con uno speciale manubrio che abbiamo studiato con la squadra. Sicuramente non avrò idea delle mie condizioni fin quando non salito sulla moto". Protagonista della giornata è stato anche Nicky Hayden che come avete già letto su Motosprint.it, ha annunciato il suo passaggio in Superbike con la Honda nelle fila del Team Ten Kate. "Sono certo che questa sia la strada che devo seguire - ha detto l'ex iridato Hayden - anche perché negli ultimi due anni le cose non sono andate come mi aspettavo. Ho sempre pensato di voler provare a gareggiare in SBK e anche se mi sto facendo un po' vecchio, sono certo di poter ancora dire la mia in quel campionato".

Luca Bologna