Il momento tanto atteso è arrivato, ne abbiamo parlato per giorni, ed ecco che il Gp di Misano ha aperto i battenti ai grandi campioni del Motomondiale. Alle 17:30 di oggi si è svolta la conferenza stampa piloti, al tavolo degli intervistati, a rispondere ai giornalisti c'erano Marc Marquez, Andrea Dovizioso, Maverick Vinales, Andrea Iannone, Cal Crutchlow, Tito Rabat e Franco Morbidelli come rappresentante della classe di mezzo.

ANDREA DOVIZIOSO - Il primo ad essere messo sotto torchio dai giornalisti è stato Andrea Dovizioso, che reduce dall'ultima vittoria inglese, è primo in classifica sopra tutti gli avversari: “Essere a Misano come leader è qualcosa che non ci aspettavamo, è surreale sono contentissimo. Oggi quando sono arrivato la sensazione è stata davvero unica, un'emozione nuova, ma il campionato è ancora aperto. Purtroppo Valentino non è qui e questo non è bello ma significa anche che c'è un avversario in meno, tutti sono forti e sarà una bella battaglia. Il nostro obiettivo qui è di salire sul podio, nonostante anche l'anno scorso non sia andata benissimo, ma anche altre piste tra cui Silverstone non erano buone sulla carta ma poi abbiamo fatto bene. Il meteo dice che sarà strano quindi tutto può accadere. Noi partiremo tranquilli come l'altra volta.”

MARC MARQUEZ - A parlare è poi lo spagnolo portacolori del team Repsol Honda, per lui la domanda iniziale è sulla rottura del motore nell'ultima gara di Silverstone: “ il weekend in Inghilterra non si è chiuso nel modo migliore anche se in gara mi sentivo bene ma ora siamo a Misano e cercheremo di mantenere lo stesso livello. Abbiamo fatto un test qui e mi sono sentito bene cercando di capire le condizioni dell'aderenza e cercando di migliorare la moto. Misano è sempre stato un buon circuito per me in passato e cercheremo di concludere la gara nel miglior modo possibile.

MAVERICK VINALES - Dopo di lui la parola è passata all'altro spagnolo Maverick Vinales, per questo fine settimana unico pilota del team Movistar Yamaha: ” a Silverstone è andata bene mi sono sentito in gran forma e la moto rispondeva bene. Qui a Misano abbiamo fatto un test che è stato positivo e abbiamo fatto dei miglioramenti nell'elettronica.” Poi, pensa al suo compagno di squadra infortunato, grande assente della gara italiana:”è un peccato che Valentino non sia qui, lui è sempre stato veloce su questa pista e sarebbe stato interessante anche per noi per capire bene la moto su questo tracciato, ma ce la metteremo tutta per fare bene fin da domani.

CAL CRUTCHLOW - La conferenza stampa è proseguita poi con l'intervista all'inglese Cal Crutchlow che ha raccontato di essersi ferito al dito mentre tagliava il formaggio e ci scherza su dicendo che è più pericoloso stare a casa che correre in moto. “Se avessi lottato contro un orso – dice scherzando - magari adesso facevo più bella figura, di solito non cucino mai ma stavo tagliando il formaggio e invece di tagliarlo ho preso il dito in pieno, mi è uscito tanto sangue e ho avuto anche dei mancamenti, pensavo non fosse niente ma la mattina sono andato in ospedale e i dottori hanno scoperto che avevo il tendine reciso quindi mi hanno operato per ricucirmi il tendine.” Per il fine settimana Cal è ottimista: ” credo che sarà possibile guidare la moto anche se è una delusione dopo Silverstone perchè siamo andati bene, magari avrò dei problemi ma ci sta anche che vada tutto bene, in ogni caso adesso avrò una scusa migliore per non mettere più piede in cucina.

ANDREA IANNONE - Tra i piloti chiamati a rispondere alle domande c'è poi l'italiano Andrea Iannone che commenta così le gare disputate fino ad oggi: “è stata una stagione difficile per noi e spero che nelle ultime sei gare possiamo migliorare. E' difficile per me parlare di questa situazione cerchiamo sempre di fare del nostro meglio con il team ma è difficile al momento trovare il feeling con la moto e non riesco a guidarla al meglio, però non voglio mollare e voglio continuare a crederci.”

FRANCO MORBIDELLI - Infine, è la volta di Franco Morbidelli il pilota Moto2 del team Estrella Galicia che attualmente si trova al comando del mondiale: ”devo ancora spingere parecchio e mantenere la concentrazione, Misano è un Gran premio a parte per me, cercherò di dare tutto, dò sempre tutto ma qui cercherò di dare qualcosa in più, non sono mai stato veloce qui e spero di esserlo per salire almeno sul podio.