Appresa la notizia - niente wild card in MotoGP nel 2020 - Jorge Lorenzo ci è rimasto male. Intervistato dal periodico spagnolo AS, il pilota maiorchino ha manifestato il proprio disappunto: “Davvero un peccato - ha detto JL99 via telefono al giornalista - avrei davvero voluto tornare a correre con la Yamaha quest’anno al Montmelò. L’obiettivo era partecipare alla wild card programmata ed arrivarci in buone condizioni. Sarebbe stato folle tornare senza test preliminari. Partire per le gare che hanno riprogrammato dopo lo stop, non avrebbe senso”.

VOTA IL SONDAGGIO: giusto vietare le wild card nel 2020?

In effetti, gli effetti (concedeteci il gioco di parole, la tentazione di scriverlo ha prevalso sulla narrativa) del Covid-19 hanno, tra le altre cose, suggerito agli organizzatori di limitare il più possibile la presenza di persone in circuito. Ne fanno le spese proprio le wild card, con relativi staff.

Tra l’altro. Jorge ha pure precisato:Avevamo scelto Barcellona, ma anche Misano e Motegi sarebbero state due piste buone per riapparire” e ciò fa pensare che, in fondo, il cinque volte iridato aveva pensato a più di una corsa da affrontare, anche se poi ha aggiunto: “Non so se mi farò vedere nel 2021, perché dipenderà dall’impegno preso con Yamaha. Se continuerò a collaborare nel ruolo di collaudatore, se ne parlerà, altrimenti, tornare a correre a tempo pieno, da presenza fissa... lo trovo improbabile”.

Pirro: “Il divieto delle wild card sembra una mossa contro Lorenzo”