Riparte la MotoGP e riparte Brembo. L'azienda bergamasca fornirà per la quinta stagione consecutiva tutti i 22 piloti che parteciperanno al campionato giunto alla sua 19sima stagione è che dal 2002 (anno del debutto per le 4 tempi in top class) ad oggi, ha visto i 315 GP disputati vinti da moto dotate di freni Brembo.

Frenata su misura


Per il campionato 2020, che prenderà il via con le prime prove libere dal 16 luglio, ogni pilota avrà la possibilità di personalizzare l’impianto frenante della moto in funzione del proprio stile di guida, delle caratteristiche del tracciato e della strategia di gara, combinando al meglio le caratteristiche delle componenti dell’impianto frenante.
I tecnici stimano un aumento prestazionale della coppia frenante superiore del 10% rispetto al 2019, con l’introduzione di una nuova pinza, diverse opzioni relative ai dischi freno, alle pompe freno e ai cerchi.

Nuova pinza GP4


Dopo il test di Valencia alla fine dello scorso anno e quelli di Sepang a febbraio debutterà ufficialmente la nuova pinza monoblocco in alluminio che riprende alcuni degli stilemi recentemente utilizzati anche sulle pinze moto per applicazione stradale con nuove alette sul corpo per avere un raffreddamento migliore e più rapido della pinza stessa.

Otto soluzioni per i dischi in carbonio


Ogni pilota avrà diposizione una scelta tra ben quattro geometrie di disco e due specifiche di materiale (High Mass e Standard) a disco, per un totale di otto soluzioni.
La maggior parte dei piloti dovrebbe orientarsi su dischi da 340 mm, dividendosi tra High Mass (a fascia alta) e Standard Mass (a fascia bassa). Alcuni team invece continueranno ad utilizzare i dischi Standard e High Mass da 320 mm. Per ciascun formato di disco freno e pastiglia, sono disponibili due diverse mescole di carbonio che differiscono per bite iniziale e resistenza alle alte temperature.

Sistema "Push & Pull"


Due sono le varianti di impianto con pompa pollice in uso nella stagione 2020: dall'imppianto ad unico circuito della pompa pollice e del pedale, che sfruttano la pinza posteriore a due pistoni alla novità dei due circuiti separati, ciascuno dei quali agisce su due dei quattro pistoni della pinza posteriore.
Nel primo caso un sistema esclude l’altro, nel secondo possono operare in contemporanea. Ulteriore variante della pompa pollice classica, è la pompa "push & pull", introdotta nel 2019, ha un doppio funzionamento e può essere azionata sia a pollice sia a indice, a seconda della preferenza del pilota.
L’utilizzo di questa pompa mediante l’indice ne aumenta la modulabilità e la presa sulla leva in fase di decelerazione.

Notevole è l’impegno di Brembo anche negli altri campionati del Motomondiale oltre alla classe MotoE; 15 i team per la Moto2 e 16 team per la Moto3, e fornitore unico delle 18 Ego Corsa di Energica equipaggiate con dischi in acciaio T-Drive da 336 mm, pinze monoblocco in alluminio a 4 pistoni in titanio, pompa radiale e pastiglie Z04. Completano la fornitura, configurata ad hoc per le moto elettriche, le ruote Marchesini in alluminio forgiato a 7 razze.

MotoGP, gli orari TV del weekend di Jerez