Matteo Ferrari ha colto una bella seconda posizione nel primo round della MotoE, che finalmente da debuttato lo scorso weekend sul circuito di Jerez dopo la lunga sosta forzata per l’emergenza Coronavirus. Il pilota del team Gresini, però, ha vissuto un podio dolce-amaro, perché ha la sensazione che avrebbe potuto fare di più.

"Condizioni veramente toste"


“E’ stata una bella gara, sono stato contento del passo che abbiamo avuto anche perché le condizioni questo weekend sono state veramente toste”, ha detto Ferrari a Motosprint. “Ci sono state molte cadute, anche in MotoE, e quindi era fondamentale portare a casa più punti possibile e fare comunque una bella gara.
“E’ chiaro che l’errorino alla 6 mi ha un po’ compromesso la battaglia con Granado, perché comunque Granado poi mi ha passato e sono dovuto andare a prenderlo”, racconta Ferrari. “Mi ha passato Medina e ho dovuto subito ripassarlo, sono dovuto andare a prendere Tulovic…

Al lavoro su gomme e forcella


Una cosa così in una gara della MotoE che dura 6 o 7 giri purtroppo ti complica tutto, però sono stato contento delle prime curve, ho subito recuperato le posizioni”, aggiunge il portacolori del team Gresini.

“Comunque ci siamo… dobbiamo lavorare ancora un po’ per capire le nuove gomme e la nuova forcella, ma sono contento del feeling e soprattutto in gara mi sono sentito un po’ meglio, come al test. Lavoriamo e ci riproviamo il prossimo weekend!” conclude  Ferrari.

MotoGP, Marquez rassicura: “Tornerò più forte di prima!”