Il dominatore della MotoE nel sabato del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini è Matteo Ferrari: il portacolori del team Gresini ha siglato il miglior crono sia al termine del terzo turno di prove libere questa mattina, sia nel giro secco della E-pole.

Peccato per la penalità di tre posizioni in griglia rimediata per il contatto con Granado al GP di Jerez, e che lo farà partire dalla quarta casella in griglia domani. A ereditare lo start al palo è Mattia Casadei: il portacolori del team Ongetta SIC 58 ha siglato il secondo miglior tempo, migliorando nettamente il crono di FP3, che lo aveva visto chiudere l’ultima sessione di libere in nona posizione.

Le soprese


Da segnalare il giro difficile di Alex De Angelis: il pilota di casa, portacolori del team Octo Pramac, è incappato in una rischiosa sbacchettata, ed è stato bravo a domare la sua Energica che lo stava disarcionando. Finito il giro, il sanmarinese spiegherà di essere finito in una buca proprio nel momento del cambio di direzione.

Un altro colpo di scena è la stata la sanzione inflitta Eric Granado, penultimo a scendere in pista: il brasiliano aveva siglato il miglior giro, ma il tempo gli è stato annullato per aver oltrepassato il trck limit alla curva 15.

A completare la prima fila, il belga Xavier Simeon, portacolori del team LCR, e il tedesco Lukas Tulovic, alfiere del team Trch 3 E-Racing, mentre il leader della classifica iridata Dominique Aeherter ha siglato il quinto tempo.

Moto nuova per Canepa


Sesta posizione finale nella tabella dei tempi della e-Pole per Niccolò Canepa, anche lui portacolori del team di Lucio Cecchinello, che quando ha fatto il suo giro lanciato aveva siglato il miglior crono, nonostante fosse solo al secondo giro con la moto nuova, sostituita dopo il turno di FP3, concluso in dodicesima piazza.

Settimo tempo per Jordi Torrres, autore di una vistosa sbacchettata. A completare la terza fila Tommaso Marcon, alfiere del team Tech-3. Ad aprire la quarta fila Alessandro Zaccone, compagno di squadra di Matteo Ferrari, con al suo fianco il finlandese Niki Tuuli e lo spagnolo Alejandro Medina.

Quattordicesimo crono per Maria Herrera, alle spalle di Xavi Cardelus e davanti a Josh Hook.

MotoGP, Misano qualifiche: un super Vinales guida il poker Yamaha