Si è fermato a un soffio dalla pole position Francesco Bagnaia, o per meglio dire a pochi centimetri. Quei centimetri più o meno a destra che sancivano la differenza tra passare sulla riga bianca o sul verde, fuori dal tracciato. La differenza tra mettere a segno un giro record che gli avrebbe consentito di scattare davanti a tutti, e partire dalla quinta casella, dopo essersi visto cancellare il tempo, per essere andato oltre il limite della pista.

Un piccolo errore, dovuto alla troppa voglia di fare, che non macchia più di tanto un'altra grande prova del piemontese, dispiaciuto per essersi condannato da solo a una seconda fila, che comunque, non pregiudica la sua gara.

"Nella mia testa è record della pista, invece così... Va bene", ha detto deluso Pecco ai microfoni di Sky Sport MotoGP. "Purtroppo ho esagerato all’ultima curva e sono andato sul verde, però ci ho provato fino alla fine. Pensavo di fare 30"8.. Alla fine è venuto fuori 30"9".

"Quello che mi è venuto bene è stato il T3, la nostra moto l'ho sfruttata bene lì - ha spiegato -, che è un punto dove possiamo recuperare qualcosa e quindi anche per la gara, domani, è importante. Però, purtroppo, mi tocca partire ancora in seconda fila anche domani, nonostante avessimo fatto un tempo veramente incredibile".

MotoGP Emilia Romagna, Rossi: “Potevo fare meglio in qualifica, ma il passo c'è”