L’ultimo atto della MotoE World Cup 2020 andrà in scena questo fine settimana sul circuito di Le Mans, in Francia. Una pista che è nuova per la classe elettrica, dove verranno disputate due gare - una il sabato e l’altra la domenica - e dove verrà assegnato il titolo Mondiale in una lotta a quattro.

Il leader


In Francia arriva primo in classifica Matteo Ferrari, con 86 punti, e tanta determinazione. Il pilota del team Gresini è infatti il campione del mondo in carica e dopo esser andato quasi sempre a podio – eccezion fatta per la seconda gara di Jerez – in Francia potrebbe essere incoronato Campione del Mondo dopo aver passato l’intera stagione tra i protagonisti. Riuscire a ripetersi non sarà cosa semplice, ma questo è l’obiettivo con cui venerdì mattina partirà alla guida della sua Ego Energica Corse numero 11.

SBK, Cavalieri conclude il CIV, Barni con Ferrari all'Estoril

La concorrenza è alta


Alle sue spalle il romagnolo ha, a tallonarlo, ben due debuttanti. Dominique Aegerter, ex pilota di Moto2, lo insegue a soli 4 punti di distanza. Jordi Torres, invece, è terzo e il suo distacco è di sette lunghezze. Tutto può quindi ancora succedere e con due gare da disputare i punti in palio sono ancora 50. Oltre a loro non si può escludere dalla lotta al titolo neanche Mattia Casadei, che ha un distacco più ampio di 15 punti e che a Misano aveva fatto vedere grandi cose.

Matematicamente è possibile


Sarà più difficile invece per Eric Granado, Niccolò Canepa e Xavier Simeon recuperare punti preziosi per vincere il titolo iridato. Il brasiliano si presenta all’ultimo Gran Premio pagando 43 punti dal primo, il genovese 44 e il belga 49. La strada è in salita, ma le corse sono imprevedibili e matematicamente tutto è ancora possibile.

MotoGP, Le Mans: Quartararo progetta la fuga, ma occhio a Mir