Non è iniziato nel migliore dei modi il fine settimana di Andrea Dovizioso, fuori dalla top ten nelle prove libere di Aragon. Il pilota di Forlì ha faticato molto - così come gli altri portacolori Ducati - a causa del forte vento in pista e delle basse temperature dell'asfalto, che non permettono di sfruttare al meglio la potenza della Desmosedici GP20.

Caso doping Iannone: la sentenza arriverà a metà novembre

Problemi con il vento


"Non siamo andati bene oggi - ha detto Andrea ai microfoni di Sky Sport - soffriamo il vento molto più degli altri, soprattutto quando ci sono delle raffiche. Non riusciamo a portare in temperatura le gomme e, di conseguenza, non posso guidare bene e ad essere fluido. Nelle curve a destra non riesco ad inserirmi e a mantenere la traiettoria giusta per via della gomma fredda".

I valori in campo potrebbero cambiare


Se la Ducati ad Aragon non ha fatto vedere grandi cose in questa prima giornata, lo stesso non si può dire del plotone Yamaha, dominatore incontrastato del venerdì.

Una competitività che non ha sorpreso più di tanto il ducatista, che parlando delle performance della Yamaha ha poi aggiunto: "Me le aspettavo molto competitive, ma sono andate ancora meglio di quanto pensassi. Sembra però che domani e domenica il vento possa diminuire, perciò la situazione potrebbe cambiare e spero che con delle temperature più alte si possa sfruttare meglio la gomma. Al momento il gap è davvero ampio, ma continueremo a lavorare mantenendo la calma".

Primo obiettivo per domani sarà centrare la Top10 per assicurarsi l'accesso diretto alla Q2. Magari, grazie a un assit da parte del meteo.

MotoGP, Morbidelli scherza con Rossi: “Vale è l'Aragon più bello di sempre!”